Leave a comment

Caso Chandler -Articolo gq

Nei posts dedicati alle accuse,si cercherà di riportarvi ciò che i media non dicono, o meglio CHE MOLTI MEDIA NON DICONO.

Per fare questo, vi appoggeremo su vari articoli di giornalisti indipendenti ed obbiettivi, che hanno analizzato sia le accuse del 93, che quelle del processo, utilizzerò video e quanto piu materiale possibile, per far si  che chi vuole andare al dilà di quello che dicono i tabloid.

Vi preghiamo però di ricordarvi questo concetto:

Sbattere il mostro in prima pagina vende, che poi, quella persona sia colpevole o innocente, poco importa.


E questo non vale solo per MJ, ma anche per le persone normali….

accuse 1993

In riferimento al caso chandler, ecco cosa scrisse a suo tempo la giornalista di GQ Mary fischer

-Mary Fischer articolo Gq:

Before O.J. Simpson, there was Michael Jackson — another beloved black celebrity seemingly brought down by allegations of scandal in his personal life. Those allegations — that Jackson had molested a 13-year-old boy — instigated a multimillion-dollar lawsuit, two grand-jury investigations and a shameless media circus. Jackson, in turn, filed charges of extortion against some of his accusers. Ultimately, the suit was settled out of court for a sum that has been estimated at $20 million; no criminal charges were brought against Jackson by the police or the grand juries. This past August, Jackson was in the news again, when Lisa Marie Presley, Elvis’s daughter, announced that she and the singer had married.

As the dust settles on one of the nation’s worst episodes of media excess, one thing is clear: The American public has never heard a defense of Michael Jackson. Until now.

It is, of course, impossible to prove a negative — that is, prove that something didn’t happen. But it is possible to take an in-depth look at the people who made the allegations against Jackson and thus gain insight into their character and motives. What emerges from such an examination, based on court documents, business records and scores of interviews, is a persuasive argument that Jackson molested no one and that he himself may have been the victim of a well-conceived plan to extract money from him.

More than that, the story that arises from this previously unexplored territory is radically different from the tale that has been promoted by tabloid and even mainstream journalists. It is a story of greed, ambition, misconceptions on the part of police and prosecutors, a lazy and sensation-seeking media and the use of a powerful, hypnotic drug. It may also be a story about how a case was simply invented.

Neither Michael Jackson nor his current defense attorneys agreed to be interviewed for this article. Had they decided to fight the civil charges and go to trial, what follows might have served as the core of Jackson’s defense — as well as the basis to further the extortion charges against his own accusers, which could well have exonerated the singer.

Jackson’s troubles began when his van broke down on Wilshire Boulevard in Los Angeles in May 1992. Stranded in the middle of the heavily trafficked street, Jackson was spotted by the wife of Mel Green, an employee at Rent-a-Wreck, an offbeat car-rental agency a mile away. Green went to the rescue. When Dave Schwartz, the owner of the car-rental company, heard Green was bringing Jackson to the lot, he called his wife, June, and told her to come over with their 6-year-old daughter and her son from her previous marriage. The boy, then 12, was a big Jackson fan. Upon arriving, June Chandler Schwartz told Jackson about the time her son had sent him a drawing after the singer’s hair caught on fire during the filming of a Pepsi commercial. Then she gave Jackson their home number.

“It was almost like she was forcing [the boy] on him,” Green recalls. “I think Michael thought he owed the boy something, and that’s when it all started.”

Certain facts about the relationship are not in dispute. Jackson began calling the boy, and a friendship developed. After Jackson returned from a promotional tour, three months later, June Chandler Schwartz and her son and daughter became regular guests at Neverland, Jackson’s ranch in Santa Barbara County. During the following year, Jackson showered the boy and his family with attention and gifts, including video games, watches, an after-hours shopping spree at Toys “R” Us and trips around the world — from Las Vegas and Disney World to Monaco and Paris.

By March 1993, Jackson and the boy were together frequently and the sleepovers began. June Chandler Schwartz had also become close to Jackson “and liked him enormously,” one friend says. “He was the kindest man she had ever met.”

Jackson’s personal eccentricities — from his attempts to remake his face through plastic surgery to his preference for the company of children — have been widely reported. And while it may be unusual for a 35-year-old man to have sleepovers with a 13-year-old child, the boy’s mother and others close to Jackson never thought it odd. Jackson’s behavior is better understood once it’s put in the context of his own childhood.

“Contrary to what you might think, Michael’s life hasn’t been a walk in the park,” one of his attorneys says. Jackson’s childhood essentially stopped — and his unorthodox life began — when he was 5 years old and living in Gary, Indiana. Michael spent his youth in rehearsal studios, on stages performing before millions of strangers and sleeping in an endless string of hotel rooms. Except for his eight brothers and sisters, Jackson was surrounded by adults who pushed him relentlessly, particularly his father, Joe Jackson — a strict, unaffectionate man who reportedly beat his children.

Jackson’s early experiences translated into a kind of arrested development, many say, and he became a child in a man’s body. “He never had a childhood,” says Bert Fields, a former attorney of Jackson’s. “He is having one now. His buddies are 12-year-old kids. They have pillow fights and food fights.” Jackson’s interest in children also translated into humanitarian efforts. Over the years, he has given millions to causes benefiting children, including his own Heal The World Foundation.

But there is another context — the one having to do with the times in which we live — in which most observers would evaluate Jackson’s behavior. “Given the current confusion and hysteria over child sexual abuse,” says Dr. Phillip Resnick, a noted Cleveland psychiatrist, “any physical or nurturing contact with a child may be seen as suspicious, and the adult could well be accused of sexual misconduct.”

Jackson’s involvement with the boy was welcomed, at first, by all the adults in the youth’s life — his mother, his stepfather and even his biological father, Evan Chandler (who also declined to be interviewed for this article). Born Evan Robert Charmatz in the Bronx in 1944, Chandler had reluctantly followed in the footsteps of his father and brothers and become a dentist. “He hated being a dentist,” a family friend says. “He always wanted to be a writer.” After moving in 1973 to West Palm Beach to practice dentistry, he changed his last name, believing Charmatz was “too Jewish-sounding,” says a former colleague. Hoping somehow to become a screenwriter, Chandler moved to Los Angeles in the late Seventies with his wife, June Wong, an attractive Eurasian who had worked briefly as a model.

Chandler’s dental career had its precarious moments. In December 1978, while working at the Crenshaw Family Dental Center, a clinic in a low-income area of L.A., Chandler did restoration work on sixteen of a patient’s teeth during a single visit. An examination of the work, the Board of Dental Examiners concluded, revealed “gross ignorance and/or inefficiency” in his profession. The board revoked his license; however, the revocation was stayed, and the board instead suspended him for ninety days and placed him on probation for two and a half years. Devastated, Chandler left town for New York. He wrote a film script but couldn’t sell it.

Months later, Chandler returned to L.A. with his wife and held a series of dentistry jobs. By 1980, when their son was born, the couple’s marriage was in trouble. “One of the reasons June left Evan was because of his temper,” a family friend says. They divorced in 1985. The court awarded sole custody of the boy to his mother and ordered Chandler to pay $500 a month in child support, but a review of documents reveals that in 1993, when the Jackson scandal broke, Chandler owed his ex-wife $68,000 — a debt she ultimately forgave.

A year before Jackson came into his son’s life, Chandler had a second serious professional problem. One of his patients, a model, sued him for dental negligence after he did restoration work on some of her teeth. Chandler claimed that the woman had signed a consent form in which she’d acknowledged the risks involved. But when Edwin Zinman, her attorney, asked to see the original records, Chandler said they had been stolen from the trunk of his Jaguar. He provided a duplicate set. Zinman, suspicious, was unable to verify the authenticity of the records. “What an extraordinary coincidence that they were stolen,” Zinman says now. “That’s like saying ‘The dog ate my homework.’ ” The suit was eventually settled out of court for an undisclosed sum.

Despite such setbacks, Chandler by then had a successful practice in Beverly Hills. And he got his first break in Hollywood in 1992, when he cowrote the Mel Brooks film Robin Hood: Men in Tights. Until Michael Jackson entered his son’s life, Chandler hadn’t shown all that much interest in the boy. “He kept promising to buy him a computer so they could work on scripts together, but he never did,” says Michael Freeman, formerly an attorney for June Chandler Schwartz. Chandler’s dental practice kept him busy, and he had started a new family by then, with two small children by his second wife, a corporate attorney.

At first, Chandler welcomed and encouraged his son’s relationship with Michael Jackson, bragging about it to friends and associates. When Jackson and the boy stayed with Chandler during May 1993, Chandler urged the entertainer to spend more time with his son at his house. According to sources, Chandler even suggested that Jackson build an addition onto the house so the singer could stay there. After calling the zoning department and discovering it couldn’t be done, Chandler made another suggestion — that Jackson just build him a new home.

That same month, the boy, his mother and Jackson flew to Monaco for the World Music Awards. “Evan began to get jealous of the involvement and felt left out,” Freeman says. Upon their return, Jackson and the boy again stayed with Chandler, which pleased him — a five-day visit, during which they slept in a room with the youth’s half brother. Though Chandler has admitted that Jackson and the boy always had their clothes on whenever he saw them in bed together, he claimed that it was during this time that his suspicions of sexual misconduct were triggered. At no time has Chandler claimed to have witnessed any sexual misconduct on Jackson’s part.

Chandler became increasingly volatile, making threats that alienated Jackson, Dave Schwartz and June Chandler Schwartz. In early July 1993, Dave Schwartz, who had been friendly with Chandler, secretly tape-recorded a lengthy telephone conversation he had with him. During the conversation, Chandler talked of his concern for his son and his anger at Jackson and at his ex-wife, whom he described as “cold and heartless.” When Chandler tried to “get her attention” to discuss his suspicions about Jackson, he says on the tape, she told him “Go fuck yourself.”

“I had a good communication with Michael,” Chandler told Schwartz. “We were friends. I liked him and I respected him and everything else for what he is. There was no reason why he had to stop calling me. I sat in the room one day and talked to Michael and told him exactly what I want out of this whole relationship. What I want.”

Admitting to Schwartz that he had “been rehearsed” about what to say and what not to say, Chandler never mentioned money during their conversation. When Schwartz asked what Jackson had done that made Chandler so upset, Chandler alleged only that “he broke up the family. [The boy] has been seduced by this guy’s power and money.” Both men repeatedly berated themselves as poor fathers to the boy.

Elsewhere on the tape, Chandler indicated he was prepared to move against Jackson: “It’s already set,” Chandler told Schwartz. “There are other people involved that are waiting for my phone call that are in certain positions. I’ve paid them to do it. Everything’s going according to a certain plan that isn’t just mine. Once I make that phone call, this guy [his attorney, Barry K. Rothman, presumably] is going to destroy everybody in sight in any devious, nasty, cruel way that he can
do it. And I’ve given him full authority to do that.”

Chandler then predicted what would, in fact, transpire six weeks later: “And if I go through with this, I win big-time. There’s no way I lose. I’ve checked that inside out. I will get everything I want, and they will be destroyed forever. June will lose [custody of the son]…and Michael’s career will be over.”

“Does that help [the boy]?” Schwartz asked.

“That’s irrelevant to me,” Chandler replied. “It’s going to be bigger than all of us put together. The whole thing is going to crash down on everybody and destroy everybody in sight. It will be a massacre if I don’t get what I want.”

Instead of going to the police, seemingly the most appropriate action in a situation involving suspected child molestation, Chandler had turned to a lawyer. And not just any lawyer. He’d turned to Barry Rothman.

“This attorney I found, I picked the nastiest son of a bitch I could find,” Chandler said in the recorded conversation with Schwartz. “All he wants to do is get this out in the public as fast as he can, as big as he can, and humiliate as many people as he can. He’s nasty, he’s mean, he’s very smart, and he’s hungry for the publicity.” (Through his attorney, Wylie Aitken, Rothman declined to be interviewed for this article. Aitken agreed to answer general questions limited to the Jackson case, and then only about aspects that did not involve Chandler or the boy.)

To know Rothman, says a former colleague who worked with him during the Jackson case, and who kept a diary of what Rothman and Chandler said and did in Rothman’s office, is to believe that Barry could have “devised this whole plan, period. This [making allegations against Michael Jackson] is within the boundary of his character, to do something like this.” Information supplied by Rothman’s former clients, associates and employees reveals a pattern of manipulation and deceit.

Rothman has a general-law practice in Century City. At one time, he negotiated music and concert deals for Little Richard, the Rolling Stones, the Who, ELO and Ozzy Osbourne. Gold and platinum records commemorating those days still hang on the walls of his office. With his grayish-white beard and perpetual tan — which he maintains in a tanning bed at his house — Rothman reminds a former client of “a leprechaun.” To a former employee, Rothman is “a demon” with “a terrible temper.” His most cherished possession, acquaintances say, is his 1977 Rolls-Royce Corniche, which carries the license plate “BKR 1.”

Over the years, Rothman has made so many enemies that his ex-wife once expressed, to her attorney, surprise that someone “hadn’t done him in.” He has a reputation for stiffing people. “He appears to be a professional deadbeat… He pays almost no one,” investigator Ed Marcus concluded (in a report filed in Los Angeles Superior Court, as part of a lawsuit against Rothman), after reviewing the attorney’s credit profile, which listed more than thirty creditors and judgment holders who were chasing him. In addition, more than twenty civil lawsuits involving Rothman have been filed in Superior Court, several complaints have been made to the Labor Commission and disciplinary actions for three incidents have been taken against him by the state bar of California. In 1992, he was suspended for a year, though that suspension was stayed and he was instead placed on probation for the term.

In 1987, Rothman was $16,800 behind in alimony and child-support payments. Through her attorney, his ex-wife, Joanne Ward, threatened to attach Rothman’s assets, but he agreed to make good on the debt. A year later, after Rothman still hadn’t made the payments, Ward’s attorney tried to put a lien on Rothman’s expensive Sherman Oaks home. To their surprise, Rothman said he no longer owned the house; three years earlier, he’d deeded the property to Tinoa Operations, Inc., a Panamanian shell corporation. According to Ward’s lawyer, Rothman claimed that he’d had $200,000 of Tinoa’s money, in cash, at his house one night when he was robbed at gunpoint. The only way he could make good on the loss was to deed his home to Tinoa, he told them. Ward and her attorney suspected the whole scenario was a ruse, but they could never prove it. It was only after sheriff’s deputies had towed away Rothman’s Rolls Royce that he began paying what he owed.

Documents filed with Los Angeles Superior Court seem to confirm the suspicions of Ward and her attorney. These show that Rothman created an elaborate network of foreign bank accounts and shell companies, seemingly to conceal some of his assets — in particular, his home and much of the $531,000 proceeds from its eventual sale, in 1989. The companies, including Tinoa, can be traced to Rothman. He bought a Panamanian shelf company (an existing but nonoperating firm) and arranged matters so that though his name would not appear on the list of its officers, he would have unconditional power of attorney, in effect leaving him in control of moving money in and out.

Meanwhile, Rothman’s employees didn’t fare much better than his ex-wife. Former employees say they sometimes had to beg for their paychecks. And sometimes the checks that they did get would bounce. He couldn’t keep legal secretaries. “He’d demean and humiliate them,” says one. Temporary workers fared the worst. “He would work them for two weeks,” adds the legal secretary, “then run them off by yelling at them and saying they were stupid. Then he’d tell the agency he was dissatisfied with the temp and wouldn’t pay.” Some agencies finally got wise and made Rothman pay cash up front before they’d do business with him.

The state bar’s 1992 disciplining of Rothman grew out of a conflict-of-interest matter. A year earlier, Rothman had been kicked off a case by a client, Muriel Metcalf, whom he’d been representing in child-support and custody proceedings; Metcalf later accused him of padding her bill. Four months after Metcalf fired him, Rothman, without notifying her, began representing the company of her estranged companion, Bob Brutzman.

The case is revealing for another reason: It shows that Rothman had some experience dealing with child-molestation allegations before the Jackson scandal. Metcalf, while Rothman was still representing her, had accused Brutzman of molesting their child (which Brutzman denied). Rothman’s knowledge of Metcalf’s charges didn’t prevent him from going to work for Brutzman’s company — a move for which he was disciplined.

By 1992, Rothman was running from numerous creditors. Folb Management, a corporate real-estate agency, was one. Rothman owed the company $53,000 in back rent and interest for an office on Sunset Boulevard. Folb sued. Rothman then countersued, claiming that the building’s security was so inadequate that burglars were able to steal more than $6,900 worth of equipment from his office one night. In the course of the proceedings, Folb’s lawyer told the court, “Mr. Rothman is not the kind of person whose word can be taken at face value.”

In November 1992, Rothman had his law firm file for bankruptcy, listing thirteen creditors — including Folb Management — with debts totaling $880,000 and no acknowledged assets. After reviewing the bankruptcy papers, an ex-client whom Rothman was suing for $400,000 in legal fees noticed that Rothman had failed to list a $133,000 asset. The former client threatened to expose Rothman for “defrauding his creditors” — a felony — if he didn’t drop the lawsuit. Cornered, Rothman had the suit dismissed in a matter of hours.

Six months before filing for bankruptcy, Rothman had transferred title on his Rolls-Royce to Majo, a fictitious company he controlled. Three years earlier, Rothman had claimed a different corporate owner for the car — Longridge Estates, a subsidiary of Tinoa Operations, the company that held the deed to his home. On corporation papers filed by Rothman, the addresses listed for Longridge and Tinoa were the same, 1554 Cahuenga Boulevard — which, as it turns out, is that of a Chinese restaurant in Hollywood.

It was with this man, in June 1993, that Evan Chandler began carrying out the “certain plan” to which he referred in his taped conversation with Dave Schwartz. At a graduation that month, Chandler confronted his ex-wife with his suspicions. “She thought the whole thing was baloney,” says her ex-attorney, Michael Freeman. She told Chandler that she planned to take their son out of school in the fall so they could accompany Jackson on his “Dangerous” world tour. Chandler became irate and, say several sources, threatened to go public with the evidence he claimed he had on Jackson. “What parent in his right mind would want to drag his child into the public spotlight?” asks Freeman. “If something like this actually occurred, you’d want to protect your child.”

Jackson asked his then-lawyer, Bert Fields, to intervene. One of the most prominent attorneys in the entertainment industry, Fields has been representing Jackson since 1990 and had negotiated for him, with Sony, the biggest music deal ever — with possible earnings of $700 million. Fields brought in investigator Anthony Pellicano to help sort things out. Pellicano does things Sicilian-style, being fiercely loyal to those he likes but a ruthless hardball player when it comes to his enemies.

On July 9, 1993, Dave Schwartz and June Chandler Schwartz played the taped conversation for Pellicano. “After listening to the tape for ten minutes, I knew it was about extortion,” says Pellicano. That same day, he drove to Jackson’s Century City condominium, where Chandler’s son and the boy’s half-sister were visiting. Without Jackson there, Pellicano “made eye contact” with the boy and asked him, he says, “very pointed questions”: “Has Michael ever touched you? Have you ever seen him naked in bed?” The answer to all the questions was no. The boy repeatedly denied that anything bad had happened. On July 11, after Jackson had declined to meet with Chandler, the boy’s father and Rothman went ahead with another part of the plan — they needed to get custody of the boy. Chandler asked his ex-wife to let the youth stay with him for a “one-week visitation period.” As Bert Fields later said in an affidavit to the court, June Chandler Schwartz allowed the boy to go based on Rothman’s assurance to Fields that her son would come back to her after the specified time, never guessing that Rothman’s word would be worthless and that Chandler would not return their son.

Wylie Aitken, Rothman’s attorney, claims that “at the time [Rothman] gave his word, it was his intention to have the boy returned.” However, once “he learned that the boy would be whisked out of the country [to go on tour with Jackson], I don’t think Mr. Rothman had any other choice.” But the chronology clearly indicates that Chandler had learned in June, at the graduation, that the boy’s mother planned to take her son on the tour. The taped telephone conversation made in early July, before Chandler took custody of his son, also seems to verify that Chandler and Rothman had no intention of abiding by the visitation agreement. “They [the boy and his mother] don’t know it yet,” Chandler told Schwartz, “but they aren’t going anywhere.”

On July 12, one day after Chandler took control of his son, he had his ex-wife sign a document prepared by Rothman that prevented her from taking the youth out of Los Angeles County. This meant the boy would be unable to accompany Jackson on the tour. His mother told the court she signed the document under duress. Chandler, she said in an affidavit, had threatened that”I would not have [the boy] returned to me.” A bitter custody battle ensued, making even murkier any charges Chandler made about wrong-doing on Jackson’s part. (As of this August [1994], the boy was still living with Chandler.) It was during the first few weeks after Chandler took control of his son — who was now isolated from his friends, mother and stepfather — that the boy’s allegations began to take shape.

At the same time, Rothman, seeking an expert’s opinion to help establish the allegations against Jackson, called Dr. Mathis Abrams, a Beverly Hills psychiatrist. Over the telephone, Rothman presented Abrams with a hypothetical situation. In reply and without having met either Chandler or his son, Abrams on July 15 sent Rothman a two-page letter in which he stated that “reasonable suspicion would exist that sexual abuse may have occurred.” Importantly, he also stated that if this were a real and not a hypothetical case, he would be required by law to report the matter to the Los Angeles County Department of Children’s Services (DCS).

According to a July 27 entry in the diary kept by Rothman’s former colleague, it’s clear that Rothman was guiding Chandler in the plan. “Rothman wrote letter to Chandler advising him how to report child abuse without liability to parent,” the entry reads. At this point, there still had been made no demands or formal accusations, only veiled assertions that had become intertwined with a fierce custody battle. On August 4, 1993, however, things became very clear. Chandler and his son met with Jackson and Pellicano in a suite at the Westwood Marquis Hotel. On seeing Jackson, says Pellicano, Chandler gave the singer an affectionate hug (a gesture, some say, that would seem to belie the dentist’s suspicions that Jackson had molested his son), then reached into his pocket, pulled out Abrams’s letter and began reading passages from it. When Chandler got to the parts about child molestation, the boy, says Pellicano, put his head down and then looked up at Jackson with a surprised expression, as if to say “I didn’t say that.” As the meeting broke up, Chandler pointed his finger at Jackson, says Pellicano, and warned “I’m going to ruin you.”

At a meeting with Pellicano in Rothman’s office later that evening, Chandler and Rothman made their demand – $20 million.

On August 13, there was another meeting in Rothman’s office. Pellicano came back with a counteroffer — a $350,000 screenwriting deal. Pellicano says he made the offer as a way to resolve the custody dispute and give Chandler an opportunity to spend more time with his son by working on a screenplay together. Chandler rejected the offer. Rothman made a counterdemand — a deal for three screenplays or nothing — which was spurned. In the diary of Rothman’s ex-colleague, an August 24 entry reveals Chandler’s disappointment: “I almost had a $20 million deal,” he was overhear telling Rothman.

Before Chandler took control of his son, the only one making allegations against Jackson was Chandler himself — the boy had never accused the singer of any wrongdoing. That changed one day in Chandler’s Beverly Hills dental office.

In the presence of Chandler and Mark Torbiner, a dental anesthesiologist, the boy was administered the controversial drug sodium Amytal — which some mistakenly believe is a truth serum. And it was after this session that the boy first made his charges against Jackson. A newsman at KCBS-TV, in L.A., reported on May 3 of this year that Chandler had used the drug on his son, but the dentist claimed he did so only to pull his son’s tooth and that while under the drug’s influence, the boy came out with allegations. Asked for this article about his use of the drug on the boy, Torbiner replied: “If I used it, it was for dental purposes.”

Given the facts about sodium Amytal and a recent landmark case that involved the drug, the boy’s allegations, say several medical experts, must be viewed as unreliable, if not highly questionable.

“It’s a psychiatric medication that cannot be relied on to produce fact,” says Dr. Resnick, the Cleveland psychiatrist. “People are very suggestible under it. People will say things under sodium Amytal that are blatantly untrue.” Sodium Amytal is a barbiturate, an invasive drug that puts people in a hypnotic state when it’s injected intravenously.

Primarily administered for the treatment of amnesia, it first came into use during World War II, on soldiers traumatized — some into catatonic states — by the horrors of war. Scientific studies done in 1952 debunked the drug as a truth serum and instead demonstrated its risks: False memories can be easily implanted in those under its influence. “It is quite possible to implant an idea through the mere asking of a question,” says Resnick. But its effects are apparently even more insidious: “The idea can become their memory, and studies have shown that even when you tell them the truth, they will swear on a stack of Bibles that it happened,” says Resnick.

Recently, the reliability of the drug became an issue in a high-profile trial in Napa County, California. After undergoing numerous therapy sessions, at least one of which included the use of sodium Amytal, 20-year-old Holly Ramona accused her father of molesting her as a child. Gary Ramona vehemently denied the charge and sued his daughter’s therapist and the psychiatrist who had administered the drug. This past May, jurors sided with Gary Ramona, believing that the therapist and the psychiatrist may have reinforced memories that were false. Gary Ramona’s was the first successful legal challenge to the so-called “repressed memory phenomenon” that has produced thousands of sexual-abuse allegations over the past decade.

As for Chandler’s story about using the drug to sedate his son during a tooth extraction, that too seems dubious, in light of the drug’s customary use. “It’s absolutely a psychiatric drug,” says Dr. Kenneth Gottlieb, a San Francisco psychiatrist who has administered sodium Amytal to amnesia patients. Dr. John Yagiela, the coordinator of the anesthesia and pain control department of UCLA’s school of dentistry, adds, “It’s unusual for it to be used [for pulling a tooth]. It makes no sense when better, safer alternatives are available. It would not be my choice.”

Because of sodium Amytal’s potential side effects, some doctors will administer it only in a hospital. “I would never want to use a drug that tampers with a person’s unconscious unless there was no other drug available,” says Gottlieb. “And I would not use it without resuscitating equipment, in case of allergic reaction, and only with an M.D. anesthesiologist present.”

Chandler, it seems, did not follow these guidelines. He had the procedure performed on his son in his office, and he relied on the dental anesthesiologist Mark Torbiner for expertise. (It was Torbiner who’d introduced Chandler and Rothman in 1991, when Rothman needed dental work.)

The nature of Torbiner’s practice appears to have made it highly successful. “He boasts that he has $100 a month overhead and $40,000 a month income,” says Nylla Jones, a former patient of his. Torbiner doesn’t have an office for seeing patients; rather, he travels to various dental offices around the city, where he administers anesthesia during procedures.

This magazine has learned that the U.S. Drug Enforcement Administration is probing another aspect of Torbiner’s business practices: He makes housecalls to administer drugs — mostly morphine and Demerol — not only postoperatively to his dental patients but also, it seems, to those suffering pain whose source has nothing to do with dental work. He arrives at the homes of his clients — some of them celebrities — carrying a kind of fishing-tackle box that contains drugs and syringes. At one time, the license plate on his Jaguar read “SLPYDOC.” According to Jones, Torbiner charges $350 for a basic ten-to-twenty-minute visit. In what Jones describes as standard practice, when it’s unclear how long Torbiner will need to stay, the client, anticipating the stupor that will soon set in, leaves a blank check for Torbiner to fill in with the appropriate amount.

Torbiner wasn’t always successful. In 1989, he got caught in a lie and was asked to resign from UCLA, where he was an assistant professor at the school of dentistry. Torbiner had asked to take a half-day off so he could observe a religious holiday but was later found to have worked at a dental office instead.

A check of Torbiner’s credentials with the Board of Dental Examiners indicates that he is restricted by law to administering drugs solely for dental-related procedures. But there is clear evidence that he has not abided by those restrictions. In fact, on at least eight occasions, Torbiner has given a general anesthetic to Barry Rothman, during hair-transplant procedures. Though normally a local anesthetic would be injected into the scalp, “Barry is so afraid of the pain,” says Dr. James De Yarman, the San Diego physician who performed Rothman’s transplants, “that [he] wanted to be put out completely.” De Yarman said he was “amazed” to learn that Torbiner is a dentist, having assumed all along that he was an M.D.

In another instance, Torbiner came to the home of Nylla Jones, she says, and injected her with Demerol to help dull the pain that followed her appendectomy.

On August 16, three days after Chandler and Rothman rejected the $350,000 script deal, the situation came to a head. On behalf of June Chandler Schwartz, Michael Freeman notified Rothman that he would be filing papersituation came to a head. On behalf of June Chandler Schwartz, Michael Freeman notified Rothman that he would be filing papers early the next morning that would force Chandler to turn over the boy. Reacting quickly, Chandler took his son to Mathis Abrams, the psychiatrist who’d provided Rothman with his assessment of the hypothetical child-abuse situation. During a three-hour session, the boy alleged that Jackson had engaged in a sexual relationship with him. He talked of masturbation, kissing, fondling of nipples and oral sex.

The next step was inevitable. Abrams, who is required by law to report any such accusation to authorities, called a social worker at the Department of Children’s Services, who in turn contacted the police. The full-scale investigation of Michael Jackson was about to begin.

Five days after Abrams called the authorities, the media got wind of the investigation. On Sunday morning, August 22, Don Ray, a free-lance reporter in Burbank, was asleep when his phone rang. The caller, one of his tipsters, said that warrants had been issued to search Jackson’s ranch and condominium. Ray sold the story to L.A.’s KNBC-TV, which broke the news at 4 P.M. the following day.

After that, Ray “watched this story go away like a freight train,” he says. Within twenty-four hours, Jackson was the lead story on seventy-three TV news broadcasts in the Los Angeles area alone and was on the front page of every British newspaper. The story of Michael Jackson and the 13-year-old boy became a frenzy of hype and unsubstantiated rumor, with the line between tabloid and mainstream media virtually eliminated.

The extent of the allegations against Jackson wasn’t known until August 25. A person inside the DCS illegally leaked a copy of the abuse report to Diane Dimond of Hard Copy. Within hours, the L.A. office of a British news service also got the report and began selling copies to any reporter willing to pay $750. The following day, the world knew about the graphic details in the leaked report. “While laying next to each other in bed, Mr. Jackson put his hand under [the child’s] shorts,” the social worker had written. From there, the coverage soon demonstrated that anything about Jackson would be fair game. “Competition among news organizations became so fierce,” says KNBC reporter Conan Nolan, that “stories weren’t being checked out. It was very unfortunate.” The National Enquirer put twenty reporters and editors on the story. One team knocked on 500 doors in Brentwood trying to find Evan Chandler and his son. Using property records, they finally did, catching up with Chandler in his black Mercedes. “He was not a happy man. But I was,” said Andy O’Brien, a tabloid photographer.

Next came the accusers — Jackson’s former employees. First, Stella and Philippe Lemarque, Jackson’ ex-housekeepers, tried to sell their story to the tabloids with the help of broker Paul Barresi, a former porn star. They asked for as much as half a million dollars but wound up selling an interview to The Globe of Britain for $15,000. The Quindoys, a Filipino couple who had worked at Neverland, followed. When their asking price was $100,000, they said ” ‘the hand was outside the kid’s pants,’ ” Barresi told a producer of Frontline, a PBS program. “As soon as their price went up to $500,000, the hand went inside the pants. So come on.” The L.A. district attorney’s office eventually concluded that both couples were useless as witnesses.

Next came the bodyguards. Purporting to take the journalistic high road, Hard Copy’s Diane Dimond told Frontline in early November of last year that her program was “pristinely clean on this. We paid no money for this story at all.” But two weeks later, as a Hard Copy contract reveals, the show was negotiating a $100,000 payment to five former Jackson security guards who were planning to file a $10 million lawsuit alleging wrongful termination of their jobs.

On December 1, with the deal in place, two of the guards appeared on the program; they had been fired, Dimond told viewers, because “they knew too much about Michael Jackson’s strange relationship with young boys.” In reality, as their depositions under oath three months later reveal, it was clear they had never actually seen Jackson do anything improper with Chandler’s son or any other child:

“So you don’t know anything about Mr. Jackson and [the boy], do you?” one of Jackson’s attorneys asked former security guard Morris Williams under oath.

“All I know is from the sworn documents that other people have sworn to.”

“But other than what someone else may have said, you have no firsthand knowledge about Mr. Jackson and [the boy], do you?”

“That’s correct.”

“Have you spoken to a child who has ever told you that Mr. Jackson did anything improper with the child?”

“No.”

When asked by Jackson’s attorney where he had gotten his impressions, Williams replied: “Just what I’ve been hearing in the media and what I’ve experienced with my own eyes.”

“Okay. That’s the point. You experienced nothing with your own eyes, did you?”

“That’s right, nothing.”

(The guards’ lawsuit, filed in March 1994, was still pending as this article went to press.)

Note: The case was thrown out of court in July 1995.

Next came the maid. On December 15, Hard Copy presented “The Bedroom Maid’s Painful Secret.” Blanca Francia told Dimond and other reporters that she had seen a naked Jackson taking showers and Jacuzzi baths with young boys. She also told Dimond that she had witnessed her own son in compromising positions with Jackson — an allegation that the grand juries apparently never found credible.

A copy of Francia’s sworn testimony reveals that Hard Copy paid her $20,000, and had Dimond checked out the woman’s claims, she would have found them to be false. Under deposition by a Jackson attorney, Francia admitted she had never actually see Jackson shower with anyone nor had she seen him naked with boys in his Jacuzzi. They always had their swimming trunks on, she acknowledged.

The coverage, says Michael Levine, a Jackson press representative, “followed a proctologist’s view of the world. Hard Copy was loathsome. The vicious and vile treatment of this man in the media was for selfish reasons. [Even] if you have never bought a Michael Jackson record in your life, you should be very concerned. Society is built on very few pillars. One of them is truth. When you abandon that, it’s a slippery slope. The investigation of Jackson, which by October 1993 would grow to involve at least twelve detectives from Santa Barbara and Los Angeles counties, was instigated in part by the perceptions of one psychiatrist, Mathis Abrams, who had no particular expertise in child sexual abuse. Abrams, the DCS caseworker’s report noted, “feels the child is telling the truth.” In an era of widespread and often false claims of child molestation, police and prosecutors have come to give great weight to the testimony of psychiatrists, therapists and social workers.

Police seized Jackson’s telephone books during the raid on his residences in August and questioned close to thirty children and their families. Some, such as Brett Barnes and Wade Robson, said they had shared Jackson’s bed, but like all the others, they gave the same response — Jackson had done nothing wrong. “The evidence was very good for us,” says an attorney who worked on Jackson’s defense. “The other side had nothing but a big mouth.”

Despite the scant evidence supporting their belief that Jackson was guilty, the police stepped up their efforts. Two officers flew to the Philippines to try to nail down the Quindoys’ “hand in the pants” story, but apparently decided it lacked credibility. The police also employed aggressive investigative techniques — including allegedly telling lies — to push the children into making accusations against Jackson. According to several parents who complained to Bert Fields, officers told them unequivocally that their children had been molested, even though the children denied to their parents that anything bad had happened. The police, Fields complained in a letter to Los Angeles Police Chief Willie Williams, “have also frightened youngsters with outrageous lies, such as ‘We have nude photos of you.’ There are, of course, no such photos.” One officer, Federico Sicard, told attorney Michael Freeman that he had lied to the children he’d interviewed and told them that he himself had been molested as a child, says Freeman. Sicard did not respond to requests for an interview for this article.

All along, June Chandler Schwartz rejected the charges Chandler was making against Jackson — until a meeting with police in late August 1993. Officers Sicard and Rosibel Ferrufino made a statement that began to change her mind. “[The officers] admitted they only had one boy,” says Freeman, who attended the meeting, “but they said, ‘We’re convinced Michael Jackson molested this boy because he fits the classic profile of a pedophile perfectly.’ ”

“There’s no such thing as a classic profile. They made a completely foolish and illogical error,” says Dr. Ralph Underwager, a Minneapolis psychiatrist who has treated pedophiles and victims of incest since 1953. Jackson, he believes, “got nailed” because of “misconceptions like these that have been allowed to parade as fact in an era of hysteria.” In truth, as a U.S. Department of Health and Human Services study shows, many child-abuse allegations — 48 percent of those filed in 1990 — proved to be unfounded.

“It was just a matter of time before someone like Jackson became a target,” says Phillip Resnick. “He’s rich, bizarre, hangs around with kids and there is a fragility to him. The atmosphere is such that an accusation must mean it happened.”
The seeds of settlement were already being sown as the police investigation continued in both counties through the fall of 1993. And a behind-the-scenes battle among Jackson’s lawyers for control of the case, which would ultimately alter the course the defense would take, had begun.

By then, June Chandler Schwartz and Dave Schwartz had united with Evan Chandler against Jackson. The boy’s mother, say several sources, feared what Chandler and Rothman might do if she didn’t side with them. She worried that they would try to advance a charge against her of parental neglect for allowing her son to have sleepovers with Jackson. Her attorney, Michael Freeman, in turn, resigned in disgust, saying later that “the whole thing was such a mess. I felt uncomfortable with Evan.
He isn’t a genuine person, and I sensed he wasn’t playing things
straight.”

Over the months, lawyers for both sides were retained, demoted and ousted as they feuded over the best strategy to take. Rothman ceased being Chandler’s lawyer in late August, when the Jackson camp filed extortion charges against the two. Both then hired high-priced criminal defense attorneys to represent them.. (Rothman retained Robert Shapiro, now O.J. Simpson’s chief lawyer.) According to the diary kept by   Rothman’s former colleague, on August 26, before the extortion charges were filed, Chandler was heard to say “It’s my ass that’s on the line and in danger of going to prison.” The investigation into the extortion charges was superficial because, says a source, “the police never took it that seriously. But a whole lot more could have been done.” For example, as they had done with Jackson, the police could have sought warrants to search the homes and offices of Rothman and Chandler. And when both men, through their attorneys, declined to be interviewed by police, a grand jury could have been convened.

In mid-September, Larry Feldman, a civil attorney who’d served as head of the Los Angeles Trial Lawyers Association, began representing Chandler’s son and immediately took control of the situation. He filed a $30 million civil lawsuit against Jackson, which would prove to be the beginning of the end.

Once news of the suit spread, the wolves began lining up at the door. According to a member of Jackson’s legal team, “Feldman got dozens of letters from all kinds of people saying they’d been molested by Jackson. They went through all of them trying to find somebody, and they found zero.” With the possibility of criminal charges against Jackson now looming, Bert Fields brought in Howard Weitzman, a well-known criminal-defense lawyer with a string of high-profile clients — including John DeLorean, whose trail he won, and Kim Basinger, whose Boxing Helena contract
dispute he lost. (Also, for a short time this June, Weitzman was O.J. Simpson’s attorney.) Some predicted a problem between the two lawyers early on. There wasn’t room for two strong attorneys used to running their own show.

From the day Weitzman joined Jackson’s defense team, “he was talking settlement,” says Bonnie Ezkenazi, an attorney who worked for the defense. With Fields and Pellicano still in control of Jackson’s defense, they adopted an aggressive strategy. They believed staunchly in Jackson’s innocence and vowed to fight the charges in court. Pellicano began gathering evidence to use in the trial, which was scheduled for March 21, 1994. “They had a very weak case,” says Fields. “We wanted to fight. Michael wanted to fight and go through a trial. We felt we could win.”

Dissension within the Jackson camp accelerated on November 12, after Jackson’s publicist announced at a press conference that the singer was canceling the remainder of his world tour to go into a drug-rehabilitation program to treat his addiction to painkillers. Fields later told reporters that Jackson was “barely able to function adequately on an intellectual level.” Others in Jackson’s camp felt it was a mistake to portray the singer as incompetent. “It was important,” Fields says, “to tell the truth. [Larry] Feldman and the press took the position that Michael was trying to hide and that it was all a scam. But it wasn’t.”

On November 23, the friction peaked. Based on information he says he got from Weitzman, Fields told a courtroom full of reporters that a criminal indictmentold a courtroom full of reporters that a criminal indictment against Jackson seemed imminent. Fields had a reason for making the
statement: He was trying to delay the boy’s civil suit by establishing that there was an impending criminal case that should be tried first. Outside the courtroom, reporters asked why Fields had made the announcement, to which Weitzman replied essentially that Fields “misspoke himself.” The comment infuriated Fields, “because it wasn’t true,” he says. “It was just an outrage. I was very upset with Howard.” Fields

“There was this vast group of people all wanting to do a different thing, and it was like moving through molasses to get a decision,” says Fields. “It was a nightmare, and I wanted to get the hell out of it.” Pellicano, who had received his share of flak for his aggressive manner, resigned at the same time.

With Fields and Pellicano gone, Weitzman brought in Johnnie Cochran Jr., a well-known civil attorney who is now helping defend O.J. Simpson. And John Branca, whom Fields had replaced as Jackson’s general counsel in 1990, was back on board. In late 1993, as DAs in both Santa Barbara and Los Angeles counties convened grand juries to assess whether criminal charges should be filed against Jackson, the defense strategy changed course and talk of settling the civil case began in earnest, even though his new team also believed in Jackson’s innocence.

Why would Jackson’s side agree to settle out of court, given his claims of innocence and the questionable evidence against him? His attorneys apparently decided there were many factors that argued against taking the case to civil court. Among them was the fact that Jackson’s emotional fragility would be tested by the oppressive media coverage that would likely plague the singer day after day during a trial that could last as long as six months. Politics and racial issues had also
seeped into legal proceedings — particularly in Los Angeles, which was still recovering from the Rodney King ordeal — and the defense feared that a court of law could not be counted on to deliver justice. Then, too, there was the jury mix to consider. As one attorney says, “They figured that Hispanics might resent [Jackson] for his money, blacks might resent him for trying to be white, and whites would have trouble getting around the molestation issue.” In Resnick’s opinion, “The
hysteria is so great and the stigma [of child molestation] is so strong, there is no defense against it.”

Jackson’s lawyers also worried about what might happen if a criminal trial followed, particularly in Santa Barbara, which is a largely white, conservative, middle-to-upper-class community. Any way the defense looked at it, a civil trial seemed too big a gamble. By meeting the terms of a civil settlement, sources say, the lawyers figured they could forestall a criminal trial through a tacit understanding that Chandler would agree to make his son unavailable to testify.

Others close to the case say the decision to settle also probably had to do with another factor — the lawyers’ reputations. “Can you imagine what would happen to an attorney who lost the Michael Jackson case?” says Anthony Pellicano. “There’s no way for all three lawyers to come out winners unless they settle. The only person who lost is Michael Jackson.” But Jackson, says Branca, “changed his mind about [taking the case to trial] when he returned to this country. He hadn’t seen the massive coverage and how hostile it was. He just wanted the whole thing to go away.”

On the other side, relationships among members of the boy’s family had become bitter. During a meeting in Larry Feldman’s office in late 1993, Chandler, a source says, “completely lost it and beat up Dave [Schwartz].” Schwartz, having separated from June by this time, was getting pushed out of making decisions that affected his stepson, and he resented Chandler for taking the boy and not returning him.

“Dave got mad and told Evan this was all about extortion, anyway, at which point Evan stood up, walked over and started hitting Dave,” a second source says.

To anyone who lived in Los Angeles in January 1994, there were two main topics of discussion — the earthquake and the Jackson settlement. On January 25, Jackson agreed to pay the boy an undisclosed sum. The day before, Jackson’s attorneys had withdrawn the extortion charges against Chandler and Rothman.

The actual amount of the settlement has never been revealed, although speculation has placed the sum around $20 million. One source says Chandler and June Chandler Schwartz received up to $2 million each, while attorney Feldman might have gotten up to 25 percent in contingency fees. The rest of the money is being held in trust for the boy and will be paid out under the supervision of a court-appointed trustee.

“Remember, this case was always about money,” Pellicano says, “and Evan Chandler wound up getting what he wanted.” Since Chandler still has custody of his son, sources contend that logically this means the father has access to any money his son gets.

By late May 1994, Chandler finally appeared to be out of dentistry. He’d closed down his Beverly Hills office, citing ongoing harassment from Jackson supporters. Under the terms of the settlement, Chandler is apparently prohibited from writing about the affair, but his brother, Ray Charmatz, was reportedly trying to get a book deal.

In what may turn out to be the never-ending case, this past August, both Barry Rothman and Dave Schwartz (two principal players left out of the settlement) filed civil suits against Jackson. Schwartz maintains that the singer broke up his family. Rothman’s lawsuit claims defamation and slander on the part of Jackson, as well as his original defense team — Fields, Pellicano and Weitzman — for the allegations of extortion. “The charge of [extortion],” says Rothman attorney Aitken, “is totally untrue. Mr. Rothman has been held up for public ridicule, was the subject of a criminal investigation and suffered loss of income.” (Presumably, some of Rothman’s lost income is the hefty fee he would have received had he been able to continue as Chandler’s attorney through the settlement phase.)

As for Michael Jackson, “he is getting on with his life,” says publicist Michael Levine. Now married, Jackson also recently recorded three new songs for a greatest-hits album and completed a new music video called “History.”

And what became of the massive investigation of Jackson? After millions of dollars were spent by prosecutors and police departments in two jurisdictions, and after two grand juries questioned close to 200 witnesses, including 30 children who knew Jackson, not a single corroborating witness could be found. (In June 1994, still determined to find even one corroborating witness, three prosecutors and two police detectives flew to Australia to again question Wade Robson, the boy who had acknowledged that he’d slept in the same bed with Jackson. Once again, the boy said that nothing bad had happened.)

The sole allegations leveled against Jackson, then, remain those made by one youth, and only after the boy had been give a potent hypnotic drug, leaving him susceptible to the power of suggestion.

“I found the case suspicious,” says Dr. Underwager, the Minneapolis psychiatrist, “precisely because the only evidence came from one boy. That would be highly unlikely. Actual pedophiles have an average of 240 victims in their lifetime. It’s a progressive disorder. They’re never satisfied.”

Given the slim evidence against Jackson, it seems unlikely he would have been found guilty had the case gone to trial. But in the court of public opinion, there are no restrictions. People are free to speculate as they wish, and Jackson’s eccentricity leaves him vulnerable to the likelihood that the public has assumed the worst about him.

So is it possible that Jackson committed no crime — that he is what he has always purported to be, a protector and not a molester of children? Attorney Michael Freeman thinks so: “It’s my feeling that Jackson did nothing wrong and these people [Chandler and Rothman] saw an opportunity and programmed it. I believe it was all about money.”

To some observers, the Michael Jackson story illustrates the dangerous power of accusation, against which there is often no defense — particularly when the accusations involve child sexual abuse. To others, something else is clear now — that police and prosecutors spent millions of dollars to create a case whose foundation never existed.thnx

to: allmichaeljackson.com

Traduzuione

Michael Jackson è stato incastrato?
La storia che nessuno aveva mai raccontato di Mary A. Fisher – GQ, Ottobre 1994 –

Prima di O.J. Simpson è stata la volta di Michael Jackson un’altra celebrità nera molto amata apparentemente distrutta dallo scandalo delle accuse che riguardavano la sua vita privata. Quelle accuse – cioè che Jackson abbia molestato un ragazzo di 13 anni – hanno provocato cause multimilionarie, l’investigazione di due Grand-Jury e un circo di media che non conosce vergogna. Jackson a sua volta denuncia alcuni dei suoi accusatori di estorsione. Ultimamente si è raggiunto un compromesso al processo fuori dalla corte per una somma, che è stata stimata per $ 20 milioni; nessuna prova incriminante è stata trovata dalla polizia o dagli Grand-Jury contro Jackson. Lo scorso Agosto Jackson è ritornato sulle pagine dei giornali quando Lisa Marie Presley, la figlia di Elvis, ha annunciato che lei e il cantante erano convogliati a nozze. Mentre la polvere ricopre uno dei peggiori episodi nazionali del superamento di ogni limite da parte dei media, una cosa è chiara: Il pubblico americano non ha mai sentito una parola in difesa di Michael jackson. Fino ad adesso. Naturalmente, è difficile dare una prova negativa- cioè provare che qualcosa non sia mai successa. Però è possibile dare un profondo sguardo alla gente che ha sporto denuncia contro Jackson cercando di farci un’idea della loro personalità e delle loro ragioni. Ciò che emerge di questo esame, basato su documenti processuali, contratti d’affari ed interviste, è un argomento persuasivo che indica che Jackson non ha molestato nessuno che lui stesso è la vittima di un piano congegnato per estorcergli denaro. Ancora di più, la storia che emerge da questo territorio prima mai esplorato è totalmente differente dalla storia che i tabloid, ed anche i giornalisti più importanti, hanno diffuso. E’ una storia di avidità, ambizione, giudizi erronei da parte della polizia e dei querelati, di media troppo pigri alla ricerca della notizia sensazionale e di una potente droga ipnotica. Può anche essere l’esempio di una storia che è stata completamente inventata. Nè Michael Jackson, nè i suoi attuali avvocati difensori hanno voluto essere intervistati per questo articolo. Hanno deciso di lottare civilmente contro le cause ed andare in tribunale; ciò che segue può essere consigliato come il centro della difesa Jackson – così come le basi per ulteriori accuse di estorsione contro i suoi accusatori, che esonerebbe il cantante.
I problemi di Jackson iniziarono quando il suo pulmino si ruppe sul Wilshire Boulevard a Los Angeles nel Maggio 1992. Bloccato nel mezzo di una strada molto trafficata, Jackson fu riconosciuto dalla moglie di Mel Green, un impiegato de Rent-a-Wreck, un’agenzia di auto a noleggio lontana non più di un miglio da lì. Green partì al salvataggio. Quando Dave Schwartz, il proprietario della compagnia auto, seppe che Green stava per arrivare con Jackson, chiamò, sua moglie June, e le disse di arrivare con la figlia di sei anni e suo figlio di lei avuto dal primo matrimonio. Il ragazzo, che allora aveva 12 anni era un gran fan di Jackson. Al suo arrivo, June Chandler Schwartz raccontò a Jackson di quando sua figlio gli aveva mandato un disegno dopo l’incidente accorso durante le riprese dello spot della pepsi. Poi diede a Jackson il numero di casa. ” Era come se spingesse il ragazzo verso di lui”, ricorda Green. ” Credo che Michael abbia pensato di dovere qualcosa al ragazzo, ed è così che è cominciato tutto”. Jackson chiamò il ragazzo, e l’amicizia andò avanti. Dopo che Jackson tornò da una tournee promozionale tre mesi dopo, June Chandler Schwartz, suo figlio e sua figlia divennero ospiti regolari a Neverland, il ranch di Jackson nella contea di Santa Barbara. Durante l’anno seguente, Jackson coprì di attenzioni e di regali il ragazzo e la sua famiglia, includendo video games, orologi, e shopping al Toys “R” Us ( un negozio di giocattoli) e viaggi intorno al mondo- da Las Vegas a Disney Word a Monaco e Parigi. Nel Marzo 1993, Jackson e il ragazzo stavano insieme frequentemente ed anche Jene divenne molto vicina a Jackson ” e gli piaceva enormemente” dice un amico, ” era l’uomo più gentile che avesse mai incontrato”. Questa amicizia tra Jackson e la famiglia del ragazzo, in un primo momento fu accolta da tutti coloro che facevano parte della vita del ragazzo e sua madre, il patrigno ed anche il padre biologico, Evan Chandler.
Chi è Evan Chandler?
Chandler ha seguito le orme di suo padre e dei fratelli diventando dentista, “odiava fare il dentista”, dice un amico di famiglia, “ha sempre voluto fare lo scrittore”. Dopo essere andato nel 1973 a West Palm Beach per praticare la professione, ha cambiato cognome credendo che Charmatz “aveva un suono troppo ebreo”, dice un ex collega. Sperando di diventare sceneggiatore, Chandler si trasferisce a Los Angeles sul finire degli anni settanta con la moglie June Wong, una bella euroasiatica che aveva lavorato come modella, anche se brevemente. La carriera dentistica di Chandler ha avuto momenti precari, nel dicembre 1978, mentre lavorava al Crenshaw Family Dental Center, una clinica in un’area molto ricca di Los Angeles, Chandler fa un lavoro su 16 denti di un paziente in una solo seduta. Ad un esame del lavoro, il Board of Dental Examiners riscontra una “grossa ignoranza e/o inefficienza” nella sua professione. L’ufficio ritira la sua licenza; comunque il ritiro fu annullato e Chandler fu sospero per 90 giorni e fu messo in libertà vigilata per due anni e mezzo. Sconvolto Chandler lasciò la città ed andò a New York. Scrisse una sceneggiatura ma non riuscì a venderla a nessuno. Alcuni mesi dopo, Chandler ritorna a Los Angeles con sua moglie e ricomincia a lavorare come dentista. Nel 1980, quando nasce il bambino, il matrimonio è in brutte acque. “Una delle ragioni per le quali June lasciò Evan è stato il suo carattere”, dice un amico di famiglia. Divorziarono nel 1985. La corte affida la custodia del ragazzo alla madre e ordina a Chandler di pagare $500 al mese per gli alimenti, ma i documenti rivelano che nel 1993, quando scoppia lo scandalo Jackson, Chandler doveva alla moglie ben $68,000- un debito che lei ultimamente gli ha perdonato. Un anno prima che Jackson entri nella vita di suo figlio, Chandler ha un secondo e serio problema professionale. Uno dei suoi pazienti, una modella, lo denuncia per negligenza dopo che lui le aveva fatto un lavoro di restaurazione su alcuni denti. Chandler sosteneva che la donna aveva firmato un documento di consenso nel quale lei si rendeva partecipe dei rischi che il lavoro le avrebbe procurato. Ma quando l’avvocato della ragazza, Edwin Zinman, gli ha chiesto i documenti originali, Chandler disse che gli erano stati rubati dal baule della sua Jaguar. Fornì un duplicato. Zinman sospettoso, non fu in grado di verificare l’autenticità dei documenti. ” Che incredibile coincidenza che siano stati rubati “, dice ora Zinman. “E’ come dire- il cane si è mangiato i miei compiti”. Si raggiunse un’accordo fuori dal tribunale per una somma sconosciuta. Nonostante questi precedenti, Chandler riuscì a lavorarecon successo a Beverly Hills, e fece la sua prima capatina a Hollywood nel 1992 quando scrisse insieme a Mel Brooks il film Robin Hood: un principe in calzamaglia. Finchè Jackson non entrò nella vita di suo figlio, Chandler non ha mai dimostrato interesse per suo figlio. ” Continua a promettergli un Computer così avrebbero potuto lavorato sulle sceneggiature insieme, ma non l’ha mai fatto”, dice Michael Freeman che è stato per un pò l’avvocato di June Chandler Schwartz. Chandler era molto occupato con la sua attività da dentista, e aveva formato una nuova famiglia con due piccoli bambini avuti dalla seconda moglie, un avvocato. All’inizio Chandler accoglie e incoraggia l’amicizia del figlio con Michael Jackson, vantandosene con amici ed associati. Quando Jackson e il ragazzo stettero da Chandler durante il Maggio 1993, Chandler invito’ il cantante a trascorrere piu’ tempo con il figlio a casa sua. Secondo alcuni Chandler aveva anche proposto a Jackson di costruire un appartamento accanto alla sua casa così che il cantante potesse alloggiare lì. Dopo aver chiamato il dipartimento di zone e aver scoperto che cio’ non si potesse fare, Chandler ebbe un’altra idea-e cioè che Jackson gli costruisse una nuova casa. Lo stesso mese, il ragazzo, la madre e Jackson andarono a Monaco per i World Music Awards. ” Evan comincio’ ad essere geloso della cosa e si senti escluso”, dice Freeman. Al loro ritorno, Jackson e il ragazzo trascorsero un po’ di tempo con Chandler, e lui fu molto contento- era una visita di cinque giorni. Chandler sostiene che è stato durante questo periodo che i suoi sospetti di abusi sessuali cominciarono ad emergere, Chandler non ha mai ammesso di essere stato testimone oculare di cattiva condotta sessuale da parte di Jackson. Chandler cominciò a diventare ogni giorno più mutevole, facendo minacce che alienavano Jackson. All’inizio del Luglio 1993, Dave Schwartz, che era stato amichavole con Chandler di nascosto registra una lunga conversazione al telefono che aveva avuto con lui. Durante la conversazione Chandler aveva parlato dei suoi interssi nei confronti del bambino e della sua rabbia nei confronti di jackson e della sua ex moglie, che descrive come “fredda e senza cuore”. Quando Chandler aveva cercato di “ottenere la sua (di lei) atytenzione” per discutere dei suoi sospetti su Jackson, racconta sul nastro, lei gli ha detto ” FOTTITI “. ” Io e Michael parlavamo molto”, disse Chandler a Schwartz. ” Eravamo amici. Mi piaceva e lo rispettavo. Non c’era nessuna ragione che smettesse di chiamarmi. Un giorno era seduto in una stanza e ho parlato a Michael e gli ho detto esattamente ciò che voglio ricavare da tutta questa relazione. Quello che io voglio”. Anche ammettendo a Schwartz che ” aveva le prove” per dire e cosa non dire, Chandler non ha mai fatto riferimento al denaro per tutta la durata della conversazione. quando schwartz gli chiese cosa mai gli avesse fatto Jackson per farlo irritare così tanto, Chandler lo accusò soltanto ” di avergli distrutto la famiglia. Il ragazzo è stato sedotto dalla potenza e dai soldi di quest’uomo”. I due uomini si rimproveravano ripetutamente di essere dei cattivi padri per il ragazzo. In altro punto della telefonata, Chandelr dichiara di essersi preparato a muoversi contro jackson: ” E’ già tutto deciso (disse Chandler a Schwartz) ci sono altre persone coinvolte in attesa della mia chiamata, che sono in posizioni molto particolari. Io li ho pagati per farlo. Tutto va secondo un certo piano che non è solo mio. Una volta fatta quella telefonata questi (probabilmente il suo avvocato Barry K. Rothman) distruggerà tutti con il più cattivo, crudele e indiretto modo in cui è capace. Gli ho dato cata bianca”. Chandler poi disse ciò che, in effetti, emerse sei settimane più tardi. ” E e se lo farò sarò io il vincitore. Non c’è modo che io perda. Ho controllato tutto. Avrò tutto ciò che voglio, e loro saranno distrutti per sempre. June perderà (la custodia del bambino)…e la carriera di Michael sarà finita”. “Questo aiuterà il ragazzo?” chiese Schwartz. ” La cosa è irrilevante per me, (rispose Chandler) questa cosa sarà più grande di tutti noi messi insieme. Tutto si abbatterà su tutti e distruggerà tutti. Sarà un massacro se non avrò ciò che voglio”. Invece di andare dalla polizia, che sarebbe la cosa più appropriata in una situazione dove c’è il sospetto di molestie su minori, Chandler è andato da un avvocato. E non un avvocato qualsiasi. E’ andato da Barry Rothman.
Chi è Barry Rothman?
” Questo avvocato che ho trovato è il più grande figlio di puttana che si potesse trovare (disse Chandler a Schwartz durante la conversazione registrata) l’unica cosa che vuole è che tutto questo esca fuori al pubblico appena possibile, deve essere grandioso, vuole umiliare più persone possibili. E’ bastardo è cattivo, è furbo ed assetato di pubblicità”. (Per mezzo del suo avvocato, Wyle Aitken, Rothman ha declinato ad essere intervistato per questo articolo. Aitken ha acconsentito a rispondere ad alcune domande generali limitatamente al caso Jackson, e in seguito solo ad aspetti che non coinvolgessero Chandler o il ragazzo.) “Conoscere Rothman, (dice un ex collega che ha lavorato con lui durante il caso Jackson e che ha tenuto un diario di ciò che Rothman e Chandler si sono detti e hanno fatto nell’ufficio di Rothman) vuol dire credere che Barry potesse aver <> l’intero piano, punto”. ” Queste (le allegazioni contro Michael Jackson) sono una sua caratteristica, è da lui fare cose del genere” (informazioni fornite da ex clienti di Rothman, associati ed impiegati rivelano esempi di manipolazione e frode). Rothman ha praticato legge a Century City. Una volta negoziava contratti (musica e concerti) per Little Richard, i Rolling Stones, gli Who, ELO e Ozzy Osborne.
Sulla mura del suo ufficio vi sono dischi d’oro e di platino che commemorano quei giorni. Con i suoi capelli brizzolati e la sua abbronzatura permanente- che riesce a mantenere grazie a sedute abbronzanti a casa sua- Rothman ricorda tanto un ex cliente di “uno gnomo”. Per un ex impiegato, Rothman è “un demonio” con “un terribile carattere”. ” La cosa più cara che ha, (dicono coloro che lo conoscono) è la sua Rolls- Royce Corniche del 1977, con targa BRK1″. Durante la sua vita, Rothman si è creato così tanti nemici che una volta la sua ex moglie si disse sorpresa che qualcuno “non lo avesse fatto fuori”. Ha la reputazione di freddare ed irrigidire la gente. “Da’ l’dea di essere molto professionale … non paga quasi nessuno”, conclude l’investigatore Ed Marcus ( in una deposizione presso la Corte Superiore di Los Angeles, come parte di una causa contro Rothman), dopo aver studiato il profilo delle credenziali, che contenevano più di 30 creditori che gli stavano dando la caccia. In più, vi sono state più di venti cause civili che coinvolgevano Rothman presso la Corte Superiore, varie lamentele erano state fatte al Labor Commission e azioni disciplinari per tre incidenti sono state prese contro di lui dal tribunale della California. Nel 1987, Rothman doveva ancora pagare $16,800 per gli alimenti e assegni per il bambino. Con il suo avvocato, la sua ex moglie Joanne Ward, ha mionacciato di attacare il patrimonio di Rothman, ma egli ha preferito pagare il debito, l’avvocato della Ward cercò di mettere sotto sequestro la costosa casa di Rothman a Shermnan Oaks. Per loro sorpresa, Rothman dichiarò di non essere più il possessore della casa; tre anni prima aveva ceduto la proprietà alla Tinoa Operations, Inc, una corporazione della Panamanian. Secondo l’avvocato della Ward, rothman dichiarò di aver avuto $ 200,000 in contanti deei soldi della Tinoa a casa sua, la notte quando subì una rapina a mano armata. L’unica maniera con la quale poteva ripagare la perdita era cedere la casa alla Tino, così racconta. La Ward e il suo avvocato ebbero il sospetto che la storia fosse tutto un trucco, ma non potevano provarlo. Rothman cominciò a pagare dopo che gli fù sequestrata la sua Rolls- Royce. Documenti registrati nella Corte Superiore di Los angeles sembrano confermare i sospetti della Ward e del suo avvocato. Questidimostrano che Rothman ha creato un elaborato network di conti in banche estere e di shelf companies, probabilmente per nascondere alcuni dei suoi patrimoni – in particolare, la sua casa e i profitti, $531,000 dell’eventuale vendita della casa, nel 1989. Le compagnie, inclusa la tinoa, portano a Rothman. Comprò una Panamanian Shelf company (una fabbrica che già esisteva ma che non operava) e si sistemò le cose in modo che il suo nome non apparisse nella lista dei dirigenti, avrebbe avuto il potere incondizionato dell’avvocato, lasciandogli il controllo e il movimento del denaro. Intanto i dipendenti di Rothman non se la passavano molto meglio della sua ex moglie. Ex dipendenti raccontano che a volte erano costretti a reclamare la paga. E spesso gli assegni che ottenevano erano a vuoto. Non potere avere segretarie legali, ” Le umiliava e le avviliava” uno dece. Gli impiegati temporanei se la passavano peggio. “Li assumeva per due settimane”, aggiunge la segretaria legale, “poi li licenziava urlando loro contro dicendo loro che erano stupidi. Poi diceva all’agenzia di non essere soddisfatto e non pagava”. Alcune agenzie alla fine capirono il gioco e fecero pagare un anticipo prima di mettersi in affari con lui. Nel 1992 i guai di Rothman come avvocato crebbero in seguito ad un conflitto di interessi. Un anno addietro, Rothman era stato licenziato da una cliente, Muriel Metcalf, che lui aveva assistito in caso di custodia del figlio. La Metcalf più tardi lo accusò di averle aumentato il prezzo della ricompensa. Quattro mesi dopo il licenziamento da parte della Metcalf, Rothamn, senza informarla, incominciò a rappresentare la compagnia del suo (della Metcalf, N.D.T) ex compagno, Bob Brutzman. Rotham aveva precedenti esperienze aventi a che fare prima dello scandalo Jackson. Mentre Rothman ancora la rappresentava, la Metcalf aveva accusato Brutzman di aver molestato il loro figlio (cosa che Brutzman negava). Sebbene Rothman sapesse delle accuse della Metcalf, ciò non lo persuase dall’accettare di rappresentare la compagnia di Brutzman- una mossa, questa, per la quale punito. Nel 1992, Rothman scappava dai numerosi creditori. La Folb Menagement, un’ente statale corporativa, era una di questi. Rothman doveva alla compagnia $ 53,000 più interessi, per l’affitto di un locale sulla Suset Buolevard La Folb fece ricorso. Rothman rispose con una contro denuncia, sostenendo che la sicurezza della costruzione era così inadeguata che una notte i ladri erano riusciti a rubare dal suo ufficio più di $ 6.900. Durante il processo, l’avvocato della Folb disse alla corte: ” Mr. Rothman non è il tipo di persona la quale parola può essere considerata di portata rilevante”. Nel Novebre del 1992, Rothman fu schedato per bancarotta, contando 13 creeitori- inclusa la Folb Menagement- con un totale di debito ammontare a $ 889,000 e nessuno bene legalizzato. Dopo aver analizzato i documenti della bancarotta, un ex cliente che Rothman aveva denunciato per $ 400,000 in proprietà legali, fece rilevare che Rothman non aveva dichiarato un attivo di $ 133,000 dollari. L’ex cliente minacciò di denunciare Rothman per “frode ai suoi creditori”- un crimine-se non avesse ritirato la denuncia. Messo alle strette, Rothman ritirava la denuncia in poche ore. Sei mesi prima di essere dichiarato in bancarotta, Rothman aveva intestato la sua Rolls Royce alla Majo, una compagnia inesistente che egli stesso controllava. Tre anni addietro, Rothman aveva dichiarato possessore dell’auto un’altra corporazione la Longridge Estates,una compagnia consociata alla Tinoa Operations, la compagnia che deteneva gli atti della sua casa. Sui documenti che Rothman aveva compilato, gli indirizzi della Longridge e della Tinoa erano gli stessi, 1554 Cahuenga Bouveland ce, a quanto risulta, è quello di un ristorante cinese di Hollywood.
E’ quest’uomo che, nel Giugno 1993, Evan Chandler iniziò a realizzare quel “certo piano” di cui aveva parlato nella conversazione registrata con Dave Schwartz. Durante una cerimonia quel mese, Chandler affrontò la sua ex moglie con i suoi sospetti. ” Lei pensava che l’intera faccenda fosse una sciocchezza” dice l’ex avvocato di lei, Michael Freeman. June disse a Chandler che aveva programmato di ritirare il figlio dalla scuola in Autunno, in modo che potesse accompagnare Jackson al suo Dangerous world tour. Chandler si adirò e, fonti sicure rivelano minacciò di rendere pubbliche le prove che diceva di avere su Jackson. ” Quale genitore si sognerebbe mai di trascinare il proprio figlio di fronte all’attenzione del pubblico”, dice Freeman. ” Se fosse successo davvero qualche cosa, dovrebbe proteggere il figlio”. Jackson chiese al suo avvocato di allora, Bert Fields, di intervenire. Fields, uno degli avvocati più prominenti del mondo dello spettacolo, aveva rappresentato Jackson dal 1990 ed era riuscito a strappare alla Sony il più grande contratto discografico mai visto con possibili guadagni di $700.000.000 . Fields assume un’ investigatore Antony Pellicano, che lo aiutasse. Pellicano, da vero siciliano, è leale con quelli che gli piacciono ma estremamente duro quando ha a che fare con i suoi nemici. Il 9 Luglio 1993, Dave Schwartz fece ascoltare la conversazione registrata a Pellicato. ” Dopo aver ascoltato il nastro per dieci minuti, capì che si trattava di un tentativo di estorsione”, dice Pellicano. Quello stesso giorno si recò all’appartamento di Jackson a Century City dove il figlio di Chandler e la sorellastra del ragazzo erano ospiti. Jackson non era lì, Pellicano potè interrogare il ragazzo faccia a faccia e a fargli, dice, ” domande molto esplicite”. ” Sei mai stato toccato da Michael? L’hai mai visto nudo a letto?” ad ogni domanda la risposta era no. Il ragazzo negò più volte che fosse accaduto qualcosa di male. L’ 11 Luglio, dopo che Jackson aveva rifiutato di incontrare Chandler, il padre del ragazzo e Rothman proseguirono con la seconda parte del piano dovevano ottenere la custodia del ragazzo, Chandler chiese alla sua ex moglie di lasciare che il ragazzo stasse con lui per una settimana. Come successivamente fu detto da Bert Fields alla corte, June Chandler Schwartz permise al figlio di andare, assicurata dal fatto che Rothman aveva promesso a Fields che il figlio sarebbe tornato dalla madre entro il tempo prestabilito, senza chiedersi se la parola di Rothman fosse affidabile o meno e se Chandler avesse mai lasciato il figlio ritornare, Wylie Aitken, avvocato di Rothman, dice che ” nel momento in cui Rothman chiede la sua parola, era sua intenzione restituire il ragazzo”. D’altronte, una volta ” venuto a sapere che il ragazzo sarebbe stato portato fuori dal paese per andare in tour con Jackson, non penso che Rothman avesse scelta”, ma la cronologia dei fatti dimostra che Chandler aveva saputo a Giugno, duarante una cerimonia, che la madre del ragazzo intendeva portare il figlio in tour. La conversazione telefonica registrata agli inizi di Luglio, prima che Chandelr prendesse in custodia il figlio, sembra verificare che Chandelr e Rothman non avevano intenzioni di attenersi all’accordo prestabilito. ” Loro (il ragazzo e la madre) non lo sanno ancora”, disse Chandler a Schwartz, ” ma non andranno da nessuna parte”. II 12 Luglio, il giorno dopo che Chandler aveva preso il controllo del figlio, egli ebbe un documento con la firma dell’ex moglie, preparato da Rothman, che prevedeva il veto di portare il ragazzo fuori dalla contea di Los Angeles. Ciò significava che il ragazzo non poteva accompagnare Jackson in tour. La madre disse alla corte che era stata costretta a firmare dietro minaccia. Durante un deposizione disse che Chandler l’aveva minacciata di “non restituirmi mio figlio”. Ne consegui una triste battaglia per la custodia del ragazzo, la quale rende persino meno chiare le accuse di Chandler a Jackson. (Nell’Agosto di quest’anno (1994) , il ragazzo viveva ancora con Chandler). Fu durante le prime poche settimane dopo che Chandler ebbe preso il controllo del figlio – che si trovava isolato dai suoi amici, dalla madre e dal patrigno – che le accuse del ragazzo iniziarono a prendere forma. Allo stesso tempo Rothman, in cerca dell’opinione di un esperto che potesse rendere più solide le accuse contro Jackson, chiamò il dottor Mathis Abram, uno psichiatra di Beverly Hills. Per telefono, Rothman con una storia ipotetica in risposta, e senza ancora conosciuto ne Chandler ne suo figlio, il 15 Luglio Abrams spedi a Rothman una lettera di due pagine nella quale affermava che ” ci sono giusti motivi per pensare che ci siano state delle molestie sessuali”. E importante rilevare che affermò che anche se fosse stato un caso vero e non ipotetico, gli sarebbe stato chiesto dalla legge di denunciare il fatto la DCS (Dipartimento dei servizi per i bambini della contea di L.A.) Secondo un appunto risalente al 27 Luglio del diario di un ex collega di Rothman, è chiaro che Rothman guidava Chandler nel piano – Rothman ha scritto una lettera a Chandler in cui lo istruisce come denunciare un caso di abuso su minore senza la responsabilità dei genitori si legge nell’appunto. A questo punto, non erano ancora state fatte accuse formali solo mascherate affermazioni che andavano ad intrecciarsi con un’ardente battaglia per la custodia. Il 4 Agosto 1993 le cose divennero comunque molte chiare, Chandler e il figlio ebbero un incontro con Jackson e Pellicano in una suite del Wetwood Marquis Hotel. Vedendo Jackson. Rivela Pellicano, Chandler gli diede un forte abbraccio (un gesto, dicono alcuni, che sembrerebbe voler nascondere i sospetti del dentista sulle presunte molesti di Jackson a suo figlio), estrasse la lettera di Abrams ed incominciò a leggere alcuni passi. Quando Chandler arrivò al punto delle molestie, il ragazzo dice Pellicano, abbasso la testa e poi guardò Jackson con un’espressione di sorpresa ,come per dire “Non ho detto queste cose”. Non appena l’incontro si interruppe, Chandler puntò il dito a Jackson, dice Pellicano e disse ” Ti rovinerò “- Durante un incontro con Pellicano nell’ufficio di Rothman quella stessa sera, Chandler e Rothman fecero la loro richiesta di $ 20.000.000. Il 13 Agosto ci fu un altro incontro nell’ufficio di Rothman. Pellicano tornò con una contro offerta: un contratto per una sceneggiatura di- 350. 000 dollari. Pellicano dice di aver fatto tale offerta come un mezzo per risolvere la disputa della custodia e dare a Chandler un’opportunità per passare più tempo in compagnia del figlio lavorandoci insieme su una sceneggiatura. Chandler rifiutò l’offerta. Rothman fece una contro richiesta un contratto per tre film o niente che fu respinta. Nel diario dell’ex collega di Rothman, un appunto del 24 Agosto rivela il disappunto di Chandler. ” Ero quasi riuscito ad avere un contratto per 20 milioni di dollari”, fu sentito dire a Rot.hman. Prima che Chandler prendesse il controllo del figlio, l’unico che accusava Jackson era lo stasso Chandler il ragazzo non aveva mai accusato il cantante di niente. La situazione cambiò un giorno nello studio dentistico di Chandler, a Beverly Hills. In presenza, di Chandler e Mark Torbiner, un anestesista, fu somministrato al ragazzo un medicinale al sodio, l’Amytal che alcuni credono erroneamente un siero della verità. Fu dopo questa sessione che il ragazzo fece le sue prime accuse contro Jackson. Un giornalista della KCBS TV di L.A, il 3 Maggio di quest’anno riportò la notizia secondo la quale Chandler aveva usato la droga sul figlio, ma il dentista disse che lo aveva fatto solo per estrarre un dente al figlio e che sotto l’influenza del medicinale il ragazzo aveva confessato le molestie. Interrogato, per questo articolo, riguardo l’uso della droga sul ragazzo, Torbiner ha risposto: ” Se l’ho usato è stato solo per scopo dentistico”. Per quanto riguarda l’Amytal ed un recente caso di morte in cui è coinvolta la droga, le accuse del ragazzo, dicono numerosi esperti, devono essere considerate inaffidabili, se non proprio discutibili.” E una medicina psichiatrica sulla quale non si può contare per sapere la verità”, dice il dottor Resnick, psichiatra di Cleveland. ” Sotto l’effetto dell’Amytal si è molto suggestionabili si dicono cose palesemente non vere. Il sodio Amytal è un barbiturico, un medicinale che mette la gente in stato ipnotico quando iniettato per endovena. Precedentemente usato per i trattamenti di amnesia, venne messo in uso per la prima volta, durante la seconda guerra mondiale sui soldati traumatizzati alcuni in stato catatonico dagli orrori della guerra. Ricerche scientifiche, nel 1952, descrissero la droga come un siero della verità, ma invece dimostrarono i rischi che presentava: falsi ricordi possono essere facilmente immessi nella mente di coloro che sono sotto il suo effetto. ” Si può inculcare un’idea con una semplice domanda “, dice Resnick. Ma quanto pare, .i suoi effetti possono essere anche più insidiosi : l’idea può diventare memoria e studi dimostrano che anche quanto dici loro la verità, verranno a giurarti sulla Bibbia che ciò che ricordano è accaduto”, dice Resnick. Recentemente, l’affidabilità della droga è diventata una vera e propria questione ad alto livello in un processo della Contea di Napa California. Dopo numerose sessioni di terapia, durante almeno una delle quali le fu somministrato l’Amytal di sodio, la ventenne Holly Ramona accusò il padre di averla molestata durante l’infanzia. Gary Ramona negò veementemente l’accusa e denunciò il terapista, e lo psichiatra che aveva somministrato il medicinale alla figlia. Lo scorso maggio i giurati diedero ragione a Gary Ramona, valutando il fatto che il terapista e lo psichiatra avrebbero potuto inculcare false memorie. Quelle di Gary Ramona fu la prima battaglia legale vinta contro il cosiddetto “fenomeno della memoria repressa”che ha causato migliaia di accuse molestie sessuali nell’ultimo decennio. Per quanto riguarda che Chandler abbia usato la droga come anestetico per estrarre il dente del figlio, anche questo lascia spazio ad ambi dubbi, dato l’abituale uso del medicinale. “E una medicina assolutamente psichiatrica”dice il dottor Kenneth Gottlieb un psichiatra di San Francisco che ha somministrato l’Amytal di sodio ad alcuni pazienti ai amnesia. Il dottor John Yagiela, coordinatore del dipartimento di anestesia della scuola per dentisti dell’UNCLA, dice: “E’ al quanto insolito che venga usato per estrarre denti. Non ha senso, quando ci sono alternative migliori e più sicure. Io non l’avrei mai fatto”. A causa dei potenti effetti collaterali del sodio Amytal. Alcuni dottori lo somministrano solo in ospedale.” Non userei mai una droga che altera l’inconscio di una persona a meno che non ci fosse nessun’ altra droga disponibile”, dice Gottlieb. “Non l’avrei usato senza una strumentazione per la rianimazione, in caso di reazione allergica, e solo con un medico anestesista presente”. Sembra che Chandler non abbia seguito questi consigli. Si e svolto tutto nel suo studio e si è fidato dell’anestetologo Mark Torbiner. (Fu Torbiner a presentare Chandler a Rothman nel 1991, quando Rothman aveva bisogno di un dentista). La professione di Torbiner sembra aver ottenuto un elevato successo.”Si vanta di aver una spesa, totale di 100 dollari e un reddito di 40.000 dollari al mese,” dice Nylia Jones, una sua ex paziente. Torbiner non ha uno studio dove riceve i paziente, piuttosto,va in giro per i vari studi dentistici della città, dove cura le anestesie durante le operazioni. Questo giornale ha scoperto che l’amministrazione delle leggi sulla Droga degli Stati Uniti d’America sta indagando su un altro aspetto della professione di Torbiner: egli somministrava droghe di solito morfina e Dermorol-a domicilio e non solo ai pazienti post- operati ma anche, sembra a coloro che soffrono per un mal di denti. Si reca a casa dei suoi clienti alcuni di questi celebrità con una, cassetta per equipaggiamento da pesca, contenente droga e siringhe. Un tempo,sul la targa della sua Jaguar,si poteva leggere “SLPYDOC”. Secondo la Jones Torbiner chiedeva 350 dollari per una visita di 10/20 minuti. Secondo quando racconta la Jones, quando non conosceva la durata della visita, il cliente, prevedente lo stato di incoscienza che verrà, lascia un assegno in bianco che Torbiner compilerà con il giusto ammontare. Ma Torbiner non l’ha sempre avuta vinta. Nel 1989 fu colto in flagrante e obbligato a dimettersi dall’UCLA, per la quale lavorava come assistente presso la scuola per dentisti. Torbiner aveva chiesto un permesso di mezza giornata per rispettare una festa religiosa,ma poi fu scoperto di aver lavorato in uno studio dentistico. Una verifica delle credenziali di Torbiner da parte del B.D.E. (Comitato degli Ispettori Dentali) indica che gli è permesso dalla legge somministrare medicinali unicamente per scopi dentistici. Ma è evidente che non è riuscito a stare a tali restrinzioni. Infatti, almeno otto volte , Torbiner ha somministrato a Barry Rothman comuni anestetici, durante un trapianto del cuoio capelluto. Anche se di solito si fa un’anestesia locale allo scalpo, “Barry ha tanta paura del dolore”, dice il dottor James De Barman, che a eseguito il trapianto di Rothman, “che voleva un’anestesia totale”. De Yarman disse di essere rimasto meravigliato quando seppe che Torbiner era un dentista, dato che aveva sempre finto di essere un medico. In un’altra occasione Torbiner andò a casa di Nylia Jones, dice lei, e le fece un iniezione di Demerol che l’aiutasse a alleviare il dolore che seguii dopo un’operazione di appendicite. Il 16 Agosto, tre giorni dopo il rifiuto da parte di Chandler e Rothman del contratto di 350.000 dollari la situazione precipitò. A nome di June Chandler Schwartz, Michael freeman avvertì Rothman che avrebbe detto tutto ai giornali per forzare Chandler a restituire il ragazzo. La reazione fu immediata e Chandler portò il figlio da Mthis Abrams,lo psichiatra che aveva aiutato Rothman nella sua valutazione sull’ipotetica situazione di abuso di minori. Durante una sessione di 3 ore, il ragazzo accusò Jackson di averlo coinvolto in una relazione sessuale. Parlò di masturbazione, baci, carezze ai capezzoli e sesso orale. Ad ogni modo, non ci furono assolutamente accenni ad una penetrazione che poteva essere verificata con un esame medico, e di conseguenza convalidare le prove. Il passo successivo era inevitabile . Abrams , che è costretto dalla legge a riportare qualsiasi simile accuse alla autorità, chiamò un assistente sociale del Dipartimento per i Bambini della contea di Los Angeles che a sua volta contato la polizia. La vasta scala di investigazioni su Michael Jackson stava per incominciare. Cinque giorni dopo che Abrams chiamò le autorità, i media sentirono delle investigazioni. La mattina del sabato 22 Agosto, Don Ray, una giornalista indipendente di Burbank, era sveglio quando suonò il telefono. Chi chiamava,uno dei suoi informatori, disse che era stato fatto pervenire a Jackson un mandato di perquisizione del suo ranch e il suo condominio. Ray vendette la storia alla KNBC-TV di Los Angeles, che sparse la notizia alle 16.00 del giorno dopo, Ray vide questa storia andare come un treno in corso, dice. Entro 24 ore, Jackson era la prima notizia dei telegiornali di 73 TV solo nell’area di Los Angeles, ed era sulle prime pagine di tutti i giornali britannici. La storia di Michael Jackson e del tredicenne divenne un’immensa montatura pubblicitaria e una chiacchiera inconsistente, con il confine fra tabloid e media più importanti virtualmente eliminato. Le dimensioni dell’accuse contro Jackson non si seppero fino al 25 Agosto. Una persona all’interno del DCS diete illegalmente a Diane Diamond (HRD COPY) una copia del rapporto dell’abuso. In poche ore, anche un ufficio di Los Angeles di un servizio di notizie Britannico ebbe il rapporto e incominciò a vendere copie a qualunque giornalista che pagasse 750 dollari. Il giorno dopo, il mondo seppe i dettagli del rapporto .”Mentre erano stesi uno a canto all’altro nel letto. Mr. Jackson infilò la mano negli slip del ragazzo”, aveva scritto l’assistente sociale. Da lì il servizio dimostrava subito che il gioco non sarebbe stato leale nei confronti di Jackson.”La concorrenza fra le organizzazioni di notiziari è diventata così ardua”, disse il giornalista della KNBC Conan Nolan, ” che nessuno controllava che le storie fossero vere. E’molto deplorevole.” THE NATIONAL ENQUIRER impiegò, per la storia, venti fra editori e giornalisti. Una busso a 500 porte di Brentwood per trovare Evan Chandler e il figlio. Per mezzo dei registri delle proprietà , alla fine ce la fecerò, cogliendo Chandler nella sua mercedes nera. Non era un uomo felice. Ma io si , disse Andy O’Brien, fotografo di un tabloids. Poi vennero gli accusatori ex impiegati di Jackson. Prima Stella e Philippe Lamarque , ex governanti di Jackson cercarono di vendere la loro storia ai tabloid e con l’aiuto del mediatore Paul Barresi, ex pornostar. Chiesero una cosa come mezzo milione di dollari, ma finirono per vendere un’intervista al THE GLOBE inglese per 15.000 dollari. Seguirono i Quindoy, una coppia filippina che aveva lavorato presso Neverland. Quando chiedevano $100.000 dicevano che la mano era fuori dai pantaloncini del ragazzo, raccontò Barresi al produttore di FRONTLINE, un programma della, PBS. Quando il prezzo saliva a $500.000 la mano entrava nei pantaloni. E così via. Il distretto degli avvocati di Los Angeles conclude che entrambe le coppie non sarebbero state utili come testimoni. Poi vi furono le guardie del corpo. Cercando di portare il giornalismo a un livello più professionale, Diane Diamond di ARD COPY, all’inizio del Novembre scorso, disse a FRONTLINE che il suo programma era originariamente pulito da questo punto di vista. ” Non abbiamo assolutamente pagato per questa storia”. Ma due settimane più tardi,da quando rileva un contratto di HRD COPY, lo spettacolo stava negoziando un pagamento di 100.000 dollari a cinque ex guardie del corpo di Jackson che stavano programmando di passare agli atti una causa di 10 milioni di dollari denunciando un’illecita conclusione dei lori impieghi. Il primo Dicembre, raggiunto un accordo, due delle guardie parteciparono allo spettacolo, erano stati licenziati, disse la Diamond agli spettatori, perché sapevano troppo sulle strane relazioni di Michael Jackson con i ragazzini. In realtà, come dimostrano le loro deposizioni sotto giuramento di tre mesi dopo, era chiaro che non avevano mai veramente visto Jackson fare qualcosa di male con il figlio di Chandler o qualsiasi altro bambino. “Cosi ché lei non sa niente riguardo Mr. Jackson e il ragazzo,vero?” chiese uno degli avvocati di Jackson all ‘ex guardia della sicurezza Morris Williams mentre questo era sotto giuramento. “Tutto ciò che so viene dai documenti su cui la gente ha giurato”. “Ma a parte quello che qualcun’altro avrebbe detto , lei non ha conoscenza dirette su Mr. Jackson e il ragazzo , vero?”. ” Esatto.”
“Hai poi parlato con un bambino che le ha raccontato che Jackson gli ha fatto qualcosa di male”.” No”. Quando gli fu chiesto dall’avvocato di Jackson da dove avesse tratto le sue impressioni,Williams rispose. “Da quello che ho sentito dai media”. “Ok, questo e il punto. Lei non ha visto niente con i suoi occhi vero?”. “Giusto niente”. Il processo alla guardia inizio nel Marzo 1994, era ancora in corso nel momento in cui questo articolo è stato stampato. La successiva fu la cameriera il 25 Dicembre, HARD COPY presentò il doloroso segreto della cameriera. Blanca Francia raccontò alla Diamonde ad altri giornalisti, di aver visto Jackson nudo mentre faceva la doccia e il bagno nella Jacuzzi con alcuni ragazzini, raccontò alla Diamonde anche di aver visto suo figlio in posizioni compromettenti con Jackson un’allegazione che, a quanto pare, i Grand Jury non hanno ritenuto credibile. Una copia della testimonianza giurata dalla Francia rileva che HARD COPY l’aveva pagata $ 20.000 e dopo che la Diamonde controllò le dichiarazioni della donna scoprì che era tutto falso. Sotto deposizione con l’avvocato di Jackson , Francia ammise di non aver mai visto Jackson fare la doccia con nessuno, ne nudo con ragazzini nella jacuzzi. Indossavano sempre il costume da bagno, ammise. I giornali, dice Michael Levine, un rappresentante della stampa di Jackson, hanno seguito una visione del mondo da protocollo. HARD COPY è stato disgustoso. Il vizioso e ripugnante trattamento di questo uomo da parte dei media ha avuto segni egoistici. Anche chi non ha mai comprato un disco di Michael Jackson in tutta la sua vita dovrebbe sentirsi coinvolto. La società è costruita su pochissimi pilastri. Uno di questi è la verità. . Quando la si abbandona, è un declivio infido. Le investigazioni di Jackson, le quali nell’Ottobre 1993 crebbero fino a coinvolgere almeno 12 detective della conte di Santa Barbara e di Los Angeles, furono incitate in parte della percezione di uno psichiatra, Mathis Abrams, che non aveva una particolare perizia nei casi di abuso sessuale su minori. Abrams, riporta l’assistente sociale del DCS, pensa che il ragazzo dice la verità. In un era in cui le false accuse di molestie su minori si sprecano, la polizia e i procuratori hanno finito per dare molto peso alle testimonianze degli psichiatri, dei terapisti e degli assistenti sociali. Durante un’irruzione nelle sue residenze, in Agosto la polizia confiscò l’agenda telefonica di Jackson e interrogò approfonditamente 30 bambini e le loro famiglie. Alcuni, come Brett Barnes e Wade Robson, dissero che aveva diviso il letto con Jackson, ma dietro lo stesso responso degli atri: Jackson non aveva fatto niente di male. Le prove erano sempre a nostro favore ,dice un avvocato che lavorava per Jackson. L’altra parte non aveva altro che una grande bocca. Nonostante le scarse prove che aveva per dimostrare che Jackson era colpevole, la polizia aumentò gli sforzi. Due agenti volarono alle Filippine per cercare di inchiodare la storia delle mani nei pantaloni dei Quindoy, ma a quanto pare decisero che mancava di credibilità. La polizia adottò anche tecniche investigative, molte aggressive, incluso dire bugie, per spingere i bambini ad accusare Jackson. Secondo numerosi genitori che si sono lamentati con Fields alcuni agenti avevano detto loro esplicitamente che i loro figli erano stati molestati, anche se i bambini negavano ai genitori che fosse successo qua1cosa di male. La polizia si lamentò con Fields in una lettera al capo della polizia di Los Angeles Willie Williams, aveva anche spaventato i ragazzini con bugie oltraggiose, come “Abbiamo foto di voi nudi”. Naturalmente queste foto non esistono. Federico Sicard, un poliziotto, raccontò all ‘avvocato Michael Freeman, di aver mentito ai bambini che aveva interrogato, dicendo loro di essere stato molestato da piccolo, dice Freeman, Sicard non ha risposto alle nostre richieste per un intervista per questo articolo. Fin dall’inizio, June Chandler Schwartz rifiutò le accuse che Chandler faceva contro Jackson fino a quando, alla fine dell’agosto 93 non ebbe un incontro con la polizia. Gli agenti Sicard e Rosibel Ferrufino fecero un’affermazione che incominciò a farle cambiare idea “Gli agenti ammisero che c’era solo l’accusa di un ragazzo”, dice Freeman, che era presente all’incontro, ma dissero “Siamo convinti che Michael Jackson abbia molestato questo ragazzo perchè presenta perfettamente le classiche caratteristiche del pedofilo”. “Non esistono caratteristiche del genere. Hanno commesso un errore completamente stupido e illogico, dice il Dott. Ralph Underwager, uno psichiatra di Minneapolis che tratta pedofili e vittime di incesti dal 1953. Egli crede che Jackson è stato inchiodato a causa di tali equivoci a cui si è permesso di passare come verità in un’era di isteria. In verità come dimostra una ricerca del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani del Stati Uniti, molte accuse di abuso su minore il 48% di queste denunciate nel 1990 sono state provate infondate. Era solo questione di tempo prima che uno come Jackson diventasse un bersaglio, dice Philip Resnick. E’ ricco, strano va in giro con i ragazzini e c’e qualcosa di fragile in lui. L’atmosfera è quella giusta perchè un’accusa possa sembrare vera. I dati dell’accordo erano già stati, seminati mentre le investigazioni della polizia continuavano in entrambe le contee durante l ‘autunno 1993. Ed era iniziata una battaglia dietro le quinte fra gli avvocati di Jackson per chi dovesse aver il controllo del caso, la quale alla fine avrebbe alternato il corso che la difesa stava prendendo. Da allora , June Chandler Schwartz e Dave si erano uniti a Evan Chadler contro Jackson. La madre del ragazzo ,dicono numerose fonti ,aveva paura di ciò che Chandler e Rothman potessero fare se non li avesse appoggiati. Temeva che, avrebbero avanzato accuse di negligenza parentale per aver lasciato che il figlio dormisse con Jackson. Il suo avvocato Michael Freeman subito dopo si dimise disgustato dicendo in seguito che l’intera faccenda era un tale caos. ” Non mi sentivo a mio agio con Evan. Non è una, persona genuina e sentivo che non giocava pulito. ” Nel corso dei mesi, da entrambe le parti furono assunti, degradati e sostituiti avvocati contendendosi le migliori strategie. Rothman smise di essere l’avvocato di Chandler alla fine di Agosto, quando la parte di Jackson denunciò entrambi per tentativo di estorsione. Ed entrambi assunsero degli avvocati penali fra i più pagati che li rappresentassero. Rothman impiego’ Robert Shapiro , l’attuale avvocato di O.J. Simpson. Secondo il diario dell’ex collega di Rothman il 26 Agosto, prima che fossero avanzate le accuse del tentativo di estorsione, Chandler fu sentito dire,”E’ il mio culo che corre il pericolo di andare in prigione”. Le investigaziorni sulle estorsioni furono superficiali, rivela una fonte , perchè “la polizia non le ha mai prese sul serio. Ma si sarebbe potuto fare molto di più.” Per esempio, la polizia, come aveva fatto con Jackson., avrebbe potuto richiedere dei mandati di perquisizione degli uffici e le case di Rothman e Clìandler . E quando entrambi, tramite i loro avvocati ,si rifiutarono di essere interrogati dalla polizia, si sarebbe potuto convocare un Gran Jury. A metà Settembre, la Feldman un’ avvocato civile che era stato capo dell’associazione degli avvocati di Los i Angeles, incominciò a rappresentare il figlio di Chandler e immediatamente prese il controllo delle situazione. Intentò una causa civile contro Jackson, la quale potrebbe essere vista come l’inizio della fine. Una volta sparsasi la notizia della causa , i lupi si stavano preparando ad attaccare. Secondo un membro del team legale di Jackson “Feldman ricevette dozzine di lettere da parte di gente di tutti i tipi che dicevano d’i essere state molestate da Jackson. Le esaminarono tutte per trovare qualcuna e ne hanno trovate zero. Con la possibilità, ora, che accuse criminali potessero delinearsi contro Jackson, Bertfield assunse Howard Weitzman , un famoso avvocato penale con una catena di clienti di elevata immagine incluso John De Lorean, del quale vinse la causa, e Kim Basinger, della quale perse la causa per il contratto “Boxing Helena” in questo Giugno , Weitzman è stato anche , per un breve periodo, avvocato di O.J. Simpson. Alcuni avevano predetto problemi fra i due avvocati sin dal ‘inizio. Non vi era una stanza che potesse ospitare due avvocati così forti abituati a condurre i propri Shows da soli . Dal giorno in cui Weitzman si unì al team di difesa di Jackson, ” Parlava sempre di un accordo”, dice Bonnie Ezkenazi , un ‘avvocato che lavorava per la difesa. Fields e Pellicano ancora al controllo della difesa di Jackson, adottarono una strategia aggressiva . Credevano fermamente nell’innocenza di Jackson e giurarono di combattere le accuse in corte. Pellicano iniziò a raccogliere prove da usare durante il processo , che era stato fissato per il 21 Marzo 1994. “Avevano una causa che proprio non reggeva” , dice Fields.”Volevano combattere. Michael voleva combattere ed , affrontare il processo . “Sentivamo di poter vincere.” I disaccordi all’interno del clan di Jackson crebbero il 21 Novembre , dopo che il pubblicista di Jackson ebbe annunciato, durante una conferenza stampa , che il cantante avrebbe cancellato le successive date del suo world Tour per sottoporsi ad una cura contro dei medicinali e trattare la sua dipendenza da farmaci. Più tardi, Fields disse ai giornalisti che Jackson era a malapena capace di ragionare adeguatamente a livello intellettivo. Altri del clan Jackson, credevano che fosse un errore descrivere il cantante come un’incapace “Era importante”, dice Fields, “dire la verità Larry Feldman e la stampa credevano che Michael stesse cercando di nascondersi e che fosse tutto falso. Ma non lo era.” Il 23 Novembre l’attrito si consumò. Basandosi su delle informazioni che disse di aver ricevuto da Weitzman , Fields disse ad una sala del tribunale piena di giornalisti che un’ atto d ‘accusa penale contro Jackson sembrava imminente
Fields aveva una ragione per fare tale dichiarazione stava cercando di ritardare la causa civile, provando che vi era un’ incombente processo penale che doveva essere fatto prima. Fuori dalla sala i giornalisti chiesero a Fields perchè avesse fatto un ‘annuncio al quale Weitzrnan aveva risposto essenzialmente che Fields l’aveva nominato erroneamente”. Il commento, infuriò Fields “perchè non era vero” , dice.”E’ stato nient’altro che un oltraggio. Ero molto adirato con Howard”. La settimana successiva Fields mandò a Jackson una lettera di dimissioni .” C ‘era tutta quella gente che voleva fare tante cose diverse , e prendere una decisione era come muoversi in una melassa” , spiega Fields “Era un incubo, e voleva uscire da quell’inferno”. Pellicano, che aveva ricevuto la sua dose di rimproveri per il suo comportamento aggressivo , si dimise lo stesso periodo una volta andati via, Fields e Pellicano, Weitzman assunse Johnnie Cochran Jr. un’ avvocato civile abbastanza conosciuto che ora sta aiutando la difesa di O.J.Simpson è John Branca, che nel 1990 era stato sostituito da Fields come avvocato generale, tornò nel consiglio. Nel tardo 1993, quando il DA in entrambe le contee di Santa Barbara e , Los Angeles convocarono i Grand Jury per decidere se dovessero essere passate gli atti le accuse penali contro Jackson o meno, la strategia della difesa cambiò corso e le chiacchiere di un accordo civile divennero realtà , sebbene anche il suo nuovo team credesse nell ‘innocenza di Jackson i perche’ la parte di Jackson ha accettato un accordo fuori dalla corte, nonostante le dichiarazioni d’ innocenza e le prove discutibili contro di lui? I suoi avvocati apparentemente decisero che c’erano troppi fattori che mettevano in discussione il fatto di portare il caso nella corte civile. Fra questi vi era il fatto che la fragilità emotiva di Jackson sarebbe stata messa a dura prova dall’ oppressività dei media che avrebbero con piacere tormentato il cantante giorno dopo giorno nel corso di un processo che sarebbe potuto durare anche sei mesi. Questioni razziali e politiche sarebbero filtrate nei procedimenti legali in particolar modo a Los Angeles , che ancora doveva riprendersi dal caso Rodnej King e la difesa temeva che una corte di giustizia non avrebbe potuto contare sul dare giustizia. Come fatto da considerare c’era da aggiungere che la giuria era una miscela di razze. Come ci dice un ‘avvocato, “calcolarono che gli ispanici si sarebbero riservati con Jackson per il denaro, i neri si sarebbero risentiti per aver cercato di essere bianco e i bianchi si sarebbero creati problemi per il caso di molestie”. Secondo Resnick. ” C’è tanta isteria e lo stigma delle molestie su minori è così forte che non c’è modo di difendersi”. Gli avvocati di Jackson erano anche preoccupati da cosa sarebbe potuto succedere se fosse seguito un processo penale, particolarmente a Santa Barbara che è una comunità formata in maggioranza da bianchi, conservatori e di ceto medio superiore. In qualsiasi modo lo si guardasse, “un processo civile appariva troppo rischioso. Di fronte ai termini dell’accordo civile, alcune fonti dicono, gli avvocati reputavano che avrebbero potuto anticipare il processo penale lasciando sottintendere che Chandler sarebbe stato d’accordo a non fare testimoniare il figlio. Altri vicini al caso dicono che la decisione di un’ accordo ha probabilmente avuto a che fare con un altro fattore la reputazione degli avvocati. Potete immaginare cosa succederebbe ad un avvocato che perde la causa di Michael Jackson? ” Dice Anthony Pellicano. ” Per tre avvocati non c’è modo che ne possano uscire vincitori , a meno che non facciano un ‘accordo. L ‘unica persona che ha perso è Michael Jackson”. Ma Jackson, dice Branca” ha cambiato idea sul fatto di affrontare il processo quando è tornato in questo paese. Non aveva visto tutti giornali e non sapeva quando gli fossero ostili . Voleva solo che tutto finisse” . Dall’altra parte, le relazioni fra i membri della famiglia del ragazzo si erano fatte sgradevoli. Durante un ‘incontro nello studio di Larry Feldman verso la fine del ’93, Chandler, rivela una parte, perse completamente il controllo e picchiò Dave Schwartz, separatosi da June in seguito a tale episodio veniva spinto a fare decisioni che riguardavano il figliastro, ed era risentito con Chandler per essersi preso il ragazzo e non averlo restituito. Dave s’infuriò e disse ad Evan che si trattava di estorsione comunque a questo punto Evan si alzò , si avvicinò a Dave ed iniziò a picchiarlo”, dice un altra fonte . Per chiunque vivesse a Los Angeles nel Gennaio 1994, c’ erano due questioni principali sulle quali discutere : il terremoto e l’accordo di Jackson . Il 25 Gennaio Jackson accettò di pagare al ragazzo somma irrivelata . Il giorno prima gli avvocati di Jackson avevano ritirato le accuse di estorsione contro Chandler e Rothman. Il vero ammontare dell’ accordo non è mai stato rivelato, ma secondo alcune speculazione sarebbe di 20 milioni di dollari. Una fonte dice che Chandler e June Schwartz avrebbero ricevuto due milioni di dollari ciascuno, mentre l’avvocato Feldman avrebbe ottenuto il 25% in beni di contingenza. Il resto del denaro è stato vincolato in amministrazioni fiduciari per il ragazzo e sarà pagata sotto la supervisione di un’ amministratore fiduciario assegnato dalla corte stessa. Non bisogna dimenticare che questo caso è stato solo di denaro, dice Pellicano , ed Evan Chandler se l’è cavata ottenendo ciò che desiderava . Dato che Chandler ha ancora la custodia del figlio, alcune fonti sostengono che logicamente ciò significa che il padre ha accesso a qualsiasi somma di denaro che il figlio riceve . Nel tardo Maggio del ’94, Chandler infine sembra aver definitivamente lasciato l’ambiente dentistico . Aveva chiuso il suo studio di Beverly Hills, citando alcune vicende di fastidio da parte dei fans di Jackson. Secondo i termini dell’accordo, a Chandler è apparentemente proibito scrivere qualsiasi cosa sull’affare, ma si dice che suo fratello, Roy Chandler stesse cercando di avere un contratto per scrivere un libro. Per quello che potrebbe rivelarsi il caso infinito, lo scorso Agosto, sia Barry Rothrnan che Dave Schwartz due giocatori importanti lasciati fuori dall’accordo hanno denunciato civilmente Jackson . Schwartz sostiene che il cantante è colpevole della rottura della sua famiglia. La denuncia di Rothman accusa la parte di Jackson sia di diffamazione e calunnia , sia per l ‘accusa di tentativo di estorsione da parte del team di difesa – Fields, Pellicallo e Weitzman . ” l ‘accusa di estorsione” dice l ‘avvocato di Rothman , Aitken , ” è completamente falsa. Mr. Rothman è stato pubblicamente preso in giro, è stato materia d’investigazioni penali ed ha subito una perdita di reddito”. Presumibilmente parte del denaro perso da Rothman è la considerevole mancia che avrebbe intascato se fosse stato ancora l’avvocato di Chandler nella fase dell’accordo. Per quanto riguarda Michael Jackson, ” Sta andando avanti con la sua vita”, dice il pubblicista Michael Levine. Ora , sposato , Jackson ha recentemente registrato tre nuove canzoni per il Greatest Hits e completato un nuovo video musicale dal titolo “History “. E che ne è stato delle massicce investigazioni su Jackson?. Dopo milioni di dollari spesi dai procuratori e dai dipartimenti di polizia in due giurisdizioni, e dopo gli interrogatori da parte di due Grand Jury a duecento testimoni, inclusi trenta bambini conoscenti di Jackson, non è stato trovato un solo testimone che convalidasse le accuse. Nel Giugno 1994, ancora determinanti a trovarne almeno uno, tre procuratori e due detective della polizia sono volati in Australia per interrogare Wade Robson, il ragazzo che aveva ammesso di aver dormito nello stesso letto con Jackson . Ancora una volta, il ragazzo ha confessato che non è accaduto niente di male. L’unica accusa sollevata a Jackson, allora, rimane quella di un giovane, Jordan Chandler, e solo dopo che al ragazzo è stata somministrata una potente droga ipnotica che lo rende suscettibile al potere della suggestione. ” Trovo questo caso molto sospetto,” dice il Dottor Underwager, lo psichiatra di Minneapolis , soprattutto perchè l’unica ci viene dal ragazzo, la quale sarebbe improbabile . I veri pedofili hanno una media di duecentoquaranta vittime nel corso della loro vita. E’ un disturbo progressivo. Non sono mai soddisfatti. Date le insufficienti prove contro Jackson,sembra improbabile che sarebbe stato provato colpevole se il caso si fosse concluso con il processo. Ma nella corte dell’opinione pubblica, non esistono limiti. La gente è libera di speculare come preferisce e l’eccentricità di Jackson lo rende vulnerabile alla probabilità che il pubblico pensi male di lui. Allora, non è forse possibile che Jackson non abbia commesso alcun crimine che sia ciò che ha sempre detto “di essere, non molestatore , ma protettore dei bambini? l’avvocato Michael Freeman la pensa così: “Penso che Jackson non abbia fatto niente di male e che queste persone Chandler Rothrnan abbiano visto un’opportunità abbiano programmato tutto. Credo che sia solo una questione di denaro”.Per alcuni osservatori, la storia di Michael Jackson mostra quanto il potere delle accuse sia pericoloso , contro le quali spesso non c ‘è modo di difendersi particolarmente se trattano di molestie sessuali su minori. Per altri c’è qualcos’altro che ora è più chiaro la polizia e i procuratori hanno speso milioni di dollari per creare un caso le quali fondamenta non sono mai esistite.
Non è stata trovata alcuna prova contro Michael Jackson, Chandler accusò Jackson solo per estorcergli denaro.

Mariah A. Fisher

1

thnx to: MJloveland

Post in continuo aggiornamento

About zeromarcy

personalità poliedrica, complicata ma allo stesso tempo semplice. Ariete ascendente leone, amante dell'arte, della filosofia che si interessa anche a temi come la religione, la politica! Estremamente ottimista, credo in me stessa, e nel mio futuro... Politicamente scorretta, non sopporto gli egoisti, gli avari, ma neanche gli spendaccioni! Mi piace la musica e in particolare Michael Jackson e Renato Zero, non sono una che si beve tutto quello che dicono i Tabloids(i giornaletti rosa iper gossipati)anzi ne farei voeltieri carta straccia!! Mi piace l'essere fashion, amo collezionare cd e cose musicali, in particolare di MJ e Renato Zero, mi piace disegnare, cantare, fare creazioni grafiche , mi piace la pittura e i miei pittori preferiti sono la mia amica Cristina e il Caravaggio! Mi piace la natura, andare nei musei, in giro per roma...e fare shopping! Mi piace Viaggiare, scrivere racconti e poesie...cogliere l'attimo e non pensare poi "peccato potevo provarci"!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: