1 Comment

Impact of ‘Alpha Dog’ debated

Santa Barbara News-Press, November 6, 2006

Impact of ‘Alpha Dog’ debated

By Dawn Hobbs, News-Press Staff Writer

The courts have long said television producers can release movies about accused criminals, but a twist in the high-profile Jesse James Hollywood murder case has legal experts debating whether the major motion picture “Alpha Dog” — a fictional account about the homicide suspect — will be released in January as scheduled.
“Alpha Dog,” featuring Emile Hirsch, Justin Timberlake, Bruce Willis and Sharon Stone, may also become the first major motion picture based on a criminal case in the U.S. shown in theaters before the trial in that case even begins.
What makes this high-stakes death penalty case so unusual, however, is that the movie is based on material a veteran prosecutor from the Santa Barbara County District Attorney’s office provided to the filmmaker.
Defense lawyer James Blatt recently requested that a federal court delay the release of the film, claiming it would poison the jury pool. The film is closely based on the prosecution’s version of the kidnapping and slaying of 15-year-old Nicholas Markowitz in 2000. Lawyers for Universal
Studios, who could not be reached for comment, have until later this month to file a response.
Legal experts expressed a range of views on whether the federal court will see merit in the defense request — a motion that stirs interesting legal debate and pits the defendant’s Sixth Amendment right to a fair trial against the entertainment industry’s First Amendment right to
publish without prior restraint.
Made-for-TV movies have been released in several criminal cases that had pending legal matters, most recently “The Perfect Husband: The Laci Peterson Story,” which aired in 2004 prior to the murder trial of Scott Peterson, who was convicted of killing his pregnant wife.
But Mark Geragos, Mr. Peterson’s defense lawyer, told the News-Press there was a difference between his case and the Hollywood case.
“I think Jim (Blatt) has a fighting chance because all of the case material was turned over by the prosecution,” Mr. Geragos said. “So the argument is that the state facilitated this movie. This may be one of the only exceptions where there might be a way to get around the prior restraint
law . . . Here you can argue that this is the fruit of the poisonous tree, so to speak, from the (sharing) of the documents by the prosecution.”
Entertainment lawyer Rex Heinke, who has also represented media outlets in First Amendment matters, pointed out two rulings by the Ninth U.S. Circuit Court of Appeal allowing the release of television movies based on criminal cases with pending legal matters: the “Billionaire Boys
Club” in 1987 and “The Billion Dollar Bubble” in 1976. Mr. Heinke reasoned those rulings would also apply to motion pictures.
“The Ninth Circuit Court ruled in both of those cases that there would have been a violation of the First Amendment if the movie had been held back,” said Mr. Heinke, who represented NBC in “The Billionaire Boys Club” case. “The issue in the end is not whether or not the government provided information to the filmmaker or how much information was provided, it’s whether the defendant can get a fair trial .
. . The courts have repeatedly held there are all sorts of ways to ensure you get a fair trial that doesn’t involve enjoining the broadcast.”
However, Mr. Blatt insisted: “I wouldn’t waste my time if Universal did this picture and did it on their own. I filed this motion because they worked in partnership with (the prosecutor) to develop
this film, destroying the presumption of innocence.”
The Court of Appeal recently removed Senior Deputy District Attorney Ron Zonen from the case because he shared the file with the filmmaker, but the justices preliminarily denied Mr. Blatt’s request to reconsider recusing the entire District Attorney’s office. That decision is expected to
become final today. Mr. Blatt indicated Friday he plans to take the matter up with the state Supreme Court.
Officials from the District Attorney’s Office had no comment Friday about any of the legal developments or about whether they’ve decided to challenge the appellate decision concerning Mr. Zonen’s recusal.
Mr. Zonen has previously said he cooperated with the filmmaker in hopes of capturing Mr. Hollywood, whose whereabouts were unknown at the time. Mr. Zonen worked with filmmakers in 2003, and Mr. Hollywood was captured in 2005.
In another high-profile trial in Santa Barbara County, Michael Jackson was acquitted of childmolestation charges last year even after a documentary called “Michael Jackson’s Secret World, with Martin Bashir” aired shortly after the jury was seated. It was Mr. Bashir’s first controversial documentary, “Living with Michael Jackson,” that prompted the charges in the first place.Mr. Jackson’s lawyer, Thomas Mesereau, noted: “I believe American juries, generally speaking, are very independent minded and when they get in a courtroom (they) understand the gravity of what they need to do and they follow the judge’s instructions.”
However, Mr. Mesereau said the circumstances of the Hollywood case are such that a defense lawyer would be remiss not to request an injunction against the release of the movie.
“I think it’s an uphill battle for the defense, but it’s not irrational,” Mr. Mesereau said. “Typically in a case like this, the defense is concerned about a completely independent movie or television show possibly prejudicing the jury pool.”But this is a case,” he added, “where the prosecution worked hand in glove with the film producer in a way that would taint the jury pool.”
However, Laurie Levenson, a former federal prosecutor and professor at Loyola School of Law said: “Believe it or not, not everyone is going to watch that (movie) . . . It can’t possibly be more damaging than the Michael Jackson TV show was and a lot more people watch television than go to the movies.”
” ‘Living with Michael Jackson,’ ” she said, “was extraordinarily damaging, and not only did we go on to have a trial, but the defendant was acquitted.”
First Amendment lawyer Doug Mirell said: “I think the likelihood the court would approve the injunction preventing release of the movie is next to none.”
Mr. Mirell also noted other safeguards the court could exercise, such as disqualifying those who had seen the movie.
“No matter how big counsel happens to think this case is, it ain’t bigger than O.J.,” Mr. Mirell said. “And we all know what happened in O.J. Notwithstanding the fact that there were madefor-television movies and other pretrial publicity that lots more people were exposed to than would ever see this movie, and he was acquitted in the criminal trial.”

Source: jamesblatt.com

Thank you to Dorilis

Aggiornamento  27/02/09

Dal commento di Emma aggiungo la traduzione:

Di Dawn Hobbs, News-Press Staff Writer

I tribunali hanno detto da tempo che i produttori possono far uscire film su criminali accusati, ma una svolta nel famoso caso di omicidio di Jesse James Hollywood ha portato esperti legati a discutere sul fatto se il film “Alpha Dog” – un racconto fittizio su un sospetto omicida – sarà pubblicato a gennaio come programmato.
“Alpha Dog”, con featuring Emile Hirsch, Justin Timberlake, Bruce Willis and Sharon Stone, potrebbe inoltre diventare il primo film basato su un caso penale negli Stati Uniti trasmesso nei cinema prima che il processo nel caso inizi.
Quel che rende questo caso da altamente probabile pena capitale così insolito, tuttavia, è che il film è basato sul materiale di un procuratore veterano dell’ufficio del Procuratore Distrettuale della Contea di Santa Barbara fornito al regista.
L’avvocato della difesa James Blatt ha richiesto recentemente che il tribunale federale ritardi l’uscita del film, dichiarando che questa inquinerebbe la giuria a venire. Il film è molto basato sulla versione dell’accusa del rapimento e l’assassinio del quindicenne Nicholas Markowitz nel 2000. Gli avvocati della Universal Studios, che non è stato possibile contattare per commenti, hanno fino alla fine di questo mese per presentare una risposta.
Gli esperti legali hanno espresso una varietà di vedute sul fatto se il tribunale federale vedrà il merito nella richiesta della difesa – una mozione che incita ad un interessante dibattito legale e intacca il diritto ad un giusto processo del Sesto Emendamento dell’accusato contro il diritto a pubblicare senza restrizioni prcedenti del Primo Emendamento dell’industria dello spettacolo.
Film per la TV sono stati emessi in diversi casi penali che avevano pendenti questioni legali, il più recente dei quali è stato “The Perfect Husband: The Laci Peterson Story”, che fu trasmesso nel 2004 prima del processo penale di Scott Peterson, che è stato condannato per l’uccisione della moglie incinta.
Ma Mark Geragos, avvocato difensore del sr. Peterson, ha detto a News-Press che c’era una differenza tra il suo caso e quello di Hollywood.
“Penso che Jim (Blatt) ha una importante possibilità perché tutto il materiale del caso è stato fornito dall’accusa” ha detto il sr. Geragos. “Così il discorso è che lo stato ha facilitato il film. Questa potrebbe essere una delle rare eccezioni dove potrebbe essere possibile aggirare la legge di restrizioni anteriori… Qui può dire che questo il frutto dell’albero dell’accusa, così per parlare, con la (condivisione) dei documenti da parte dell’accusa.”
L’avvocato dello spettacolo Rex Heinke, che ha inoltre rappresentato i media nelle questioni di Primo Emendamento, ha notato che due decisioni della Nona U.S. Circuit Court of Appeal hanno permesso l’emissione di film per la TV basati su casi penali con pendenti questioni legali: il “Billionaire Boys Club” nel 1987 e il “The Billion Dollar Bubble” nel 1976. Mr. Heinke afferma che questi provvedimenti si applicherebbero anche ai film.
“La Ninth Circuit Court ha deciso in entrambi i casi che ci sarebbe stata violazione del Primo Emendamento se il film fosse stato ritirato” ha detto il sr. Heinke, che ha rappresentato la NBC nel caso di “The Billionaire Boys Club”. “La questione alla fine non è se il governo abbiamo fornito o meno informazioni al regista o quanta di questa informazione è stata data, ma è se l’accusato possa ottenere un giusto processo… I tribunali hanno più volte ripetuto che ci sono molti modi per permetterti di avere un giusto processo senza coinvolgere il divertimento della trasmissione”.
Tuttavia insiste il sr. Blatt che “non avrei perso il mio tempo se la Universal avesse fatto il film per conto suo. Ho presentato questa mozione perché hanno lavorato insieme (all’accusa) per sviluppare questo film, distruggendo la presunzione di innocenza”.
La corte d’appello ha recentemente rimosso il Senior Deputy District Attorney Ron Zonen dal caso perché aveva condiviso il file con il regista, ma la giustizia ha preliminarmente negato la richiesta del sr. Blatt di riconsiderare la ricusazione dell’intero ufficio del Procuratore Distrettuale. Quella decisione dovrebbe essere resa definitiva oggi. Venerdì il sr. Blatt ha indicato che pensa di portare la questione fino alla Corte Suprema dello stato.
Ufficiali dell’ufficio del Procuratore Distrettuale non hanno fatto commenti venerdì su qualsiasi degli sviluppi legali o se avessero deciso di combattere la decisione d’appello che riguardava la ricusazione del sr. Zonen.
Il sr. Zonen aveva detto in precedenza che aveva cooperato con il registra nella speranza di catturare il sr. Hollywood, i cui spostamenti erano sconosciuti all’epoca. Il sr. Zonen aveva lavorato con il regista nel 2003 e il sr. Hollywood è stato catturato nel 2005.
In un altro processo famoso nella contea di Santa Barbara, Michael Jackson era stato prosciolto dalle accuse di molestie ai danni di un minore lo scorso hanno dopo che un documentario intitolato “Michael Jackson’s Secret World, with Martin Bashir” era stato trasmesso poco dopo che era stata scelta la giuria. Era stato il primo controverso documentario del sr. Bashir, “Living with Michael Jackson” che aveva portato alle accuse in prima istanza. L’avvocato del sr. Jackson, Thomas Mesereau, aveva notato: “credo che le giurie americane, parlando in generale, siano molto indipendenti e che quando entrano in tribunale capiscano la gravità di quel che devono fare e seguano le istruzioni del giudice”.
Tuttavia, il sr. Mesereau aveva detto che le circostanze del caso di Hollywood erano tali che un avvocato difensore sarebbe stato negligente a non richiedere un’ingiunzione contro la pubblicazione del film.
“Penso che è una battaglia in salita per la difesa, ma non è irrazionale” ha detto Mesereau. “Tipicamente in un caso come questo, la difesa è preoccupata del fatto che un film indipendente o uno spettacolo televisivo pregiudichi la giuria a venire. Ma questo è un caso” ha aggiunto “dove l’accusa ha lavorato mano a mano con il produttore del film in un modo che potrebbe inquinare la giuria a venire”.
Tuttavia, Laurie Levenson, un ex procuratore federale e professore alla Lodola School of Law ha detto: “credeteci o no, non tutti lo vedranno… non può essere più dannoso del Michael Jackson TV Show e un sacco di persone vedono più la TV del cinema”.
“Living with Michael Jackson” ha detto “è stato straordinariamente dannoso, e non solo siamo andati in processo, ma l’accusato è stato assolto”.
L’avvocato del Primo Emendamento Doug Mirell ha detto: “credo che le probabilità che la corte approvi un’ingiunzione che eviti la pubblicazione di un film siano pressoché nulle”.
sr. Mirell ha notato che esistono altre tutele che possono essere applicate dalla corte, come squalificare coloro che hanno visto il film.
“Non importa quanto grande il consiglio pensa che questo caso sia, non è più grande di O.J.” ha detto il sr. Mirell.”E tutti noi sappiamo cosa è successo nel caso di O.J. A dispetto del fatto che sono stati fatti film per la TV e altra pubblicità pre-processo a cui molta più gente è stata esposta rispetto a questo film, è stato assolto nel processo penale.

Thnx to dorilis

About zeromarcy

personalità poliedrica, complicata ma allo stesso tempo semplice. Ariete ascendente leone, amante dell'arte, della filosofia che si interessa anche a temi come la religione, la politica! Estremamente ottimista, credo in me stessa, e nel mio futuro... Politicamente scorretta, non sopporto gli egoisti, gli avari, ma neanche gli spendaccioni! Mi piace la musica e in particolare Michael Jackson e Renato Zero, non sono una che si beve tutto quello che dicono i Tabloids(i giornaletti rosa iper gossipati)anzi ne farei voeltieri carta straccia!! Mi piace l'essere fashion, amo collezionare cd e cose musicali, in particolare di MJ e Renato Zero, mi piace disegnare, cantare, fare creazioni grafiche , mi piace la pittura e i miei pittori preferiti sono la mia amica Cristina e il Caravaggio! Mi piace la natura, andare nei musei, in giro per roma...e fare shopping! Mi piace Viaggiare, scrivere racconti e poesie...cogliere l'attimo e non pensare poi "peccato potevo provarci"!

One comment on “Impact of ‘Alpha Dog’ debated

  1. Vi mando la traduzione di questo articolo. Ringrazio Dorilis…
    Dibattuto l’impatto di “Alpha Dog”.

    Di Dawn Hobbs, News-Press Staff Writer

    I tribunali hanno detto da tempo che i produttori possono far uscire film su criminali accusati, ma una svolta nel famoso caso di omicidio di Jesse James Hollywood ha portato esperti legati a discutere sul fatto se il film “Alpha Dog” – un racconto fittizio su un sospetto omicida – sarà pubblicato a gennaio come programmato.
    “Alpha Dog”, con featuring Emile Hirsch, Justin Timberlake, Bruce Willis and Sharon Stone, potrebbe inoltre diventare il primo film basato su un caso penale negli Stati Uniti trasmesso nei cinema prima che il processo nel caso inizi.
    Quel che rende questo caso da altamente probabile pena capitale così insolito, tuttavia, è che il film è basato sul materiale di un procuratore veterano dell’ufficio del Procuratore Distrettuale della Contea di Santa Barbara fornito al regista.
    L’avvocato della difesa James Blatt ha richiesto recentemente che il tribunale federale ritardi l’uscita del film, dichiarando che questa inquinerebbe la giuria a venire. Il film è molto basato sulla versione dell’accusa del rapimento e l’assassinio del quindicenne Nicholas Markowitz nel 2000. Gli avvocati della Universal Studios, che non è stato possibile contattare per commenti, hanno fino alla fine di questo mese per presentare una risposta.
    Gli esperti legali hanno espresso una varietà di vedute sul fatto se il tribunale federale vedrà il merito nella richiesta della difesa – una mozione che incita ad un interessante dibattito legale e intacca il diritto ad un giusto processo del Sesto Emendamento dell’accusato contro il diritto a pubblicare senza restrizioni prcedenti del Primo Emendamento dell’industria dello spettacolo.
    Film per la TV sono stati emessi in diversi casi penali che avevano pendenti questioni legali, il più recente dei quali è stato “The Perfect Husband: The Laci Peterson Story”, che fu trasmesso nel 2004 prima del processo penale di Scott Peterson, che è stato condannato per l’uccisione della moglie incinta.
    Ma Mark Geragos, avvocato difensore del sr. Peterson, ha detto a News-Press che c’era una differenza tra il suo caso e quello di Hollywood.
    “Penso che Jim (Blatt) ha una importante possibilità perché tutto il materiale del caso è stato fornito dall’accusa” ha detto il sr. Geragos. “Così il discorso è che lo stato ha facilitato il film. Questa potrebbe essere una delle rare eccezioni dove potrebbe essere possibile aggirare la legge di restrizioni anteriori… Qui può dire che questo il frutto dell’albero dell’accusa, così per parlare, con la (condivisione) dei documenti da parte dell’accusa.”
    L’avvocato dello spettacolo Rex Heinke, che ha inoltre rappresentato i media nelle questioni di Primo Emendamento, ha notato che due decisioni della Nona U.S. Circuit Court of Appeal hanno permesso l’emissione di film per la TV basati su casi penali con pendenti questioni legali: il “Billionaire Boys Club” nel 1987 e il “The Billion Dollar Bubble” nel 1976. Mr. Heinke afferma che questi provvedimenti si applicherebbero anche ai film.
    “La Ninth Circuit Court ha deciso in entrambi i casi che ci sarebbe stata violazione del Primo Emendamento se il film fosse stato ritirato” ha detto il sr. Heinke, che ha rappresentato la NBC nel caso di “The Billionaire Boys Club”. “La questione alla fine non è se il governo abbiamo fornito o meno informazioni al regista o quanta di questa informazione è stata data, ma è se l’accusato possa ottenere un giusto processo… I tribunali hanno più volte ripetuto che ci sono molti modi per permetterti di avere un giusto processo senza coinvolgere il divertimento della trasmissione”.
    Tuttavia insiste il sr. Blatt che “non avrei perso il mio tempo se la Universal avesse fatto il film per conto suo. Ho presentato questa mozione perché hanno lavorato insieme (all’accusa) per sviluppare questo film, distruggendo la presunzione di innocenza”.
    La corte d’appello ha recentemente rimosso il Senior Deputy District Attorney Ron Zonen dal caso perché aveva condiviso il file con il regista, ma la giustizia ha preliminarmente negato la richiesta del sr. Blatt di riconsiderare la ricusazione dell’intero ufficio del Procuratore Distrettuale. Quella decisione dovrebbe essere resa definitiva oggi. Venerdì il sr. Blatt ha indicato che pensa di portare la questione fino alla Corte Suprema dello stato.
    Ufficiali dell’ufficio del Procuratore Distrettuale non hanno fatto commenti venerdì su qualsiasi degli sviluppi legali o se avessero deciso di combattere la decisione d’appello che riguardava la ricusazione del sr. Zonen.
    Il sr. Zonen aveva detto in precedenza che aveva cooperato con il registra nella speranza di catturare il sr. Hollywood, i cui spostamenti erano sconosciuti all’epoca. Il sr. Zonen aveva lavorato con il regista nel 2003 e il sr. Hollywood è stato catturato nel 2005.
    In un altro processo famoso nella contea di Santa Barbara, Michael Jackson era stato prosciolto dalle accuse di molestie ai danni di un minore lo scorso hanno dopo che un documentario intitolato “Michael Jackson’s Secret World, with Martin Bashir” era stato trasmesso poco dopo che era stata scelta la giuria. Era stato il primo controverso documentario del sr. Bashir, “Living with Michael Jackson” che aveva portato alle accuse in prima istanza. L’avvocato del sr. Jackson, Thomas Mesereau, aveva notato: “credo che le giurie americane, parlando in generale, siano molto indipendenti e che quando entrano in tribunale capiscano la gravità di quel che devono fare e seguano le istruzioni del giudice”.
    Tuttavia, il sr. Mesereau aveva detto che le circostanze del caso di Hollywood erano tali che un avvocato difensore sarebbe stato negligente a non richiedere un’ingiunzione contro la pubblicazione del film.
    “Penso che è una battaglia in salita per la difesa, ma non è irrazionale” ha detto Mesereau. “Tipicamente in un caso come questo, la difesa è preoccupata del fatto che un film indipendente o uno spettacolo televisivo pregiudichi la giuria a venire. Ma questo è un caso” ha aggiunto “dove l’accusa ha lavorato mano a mano con il produttore del film in un modo che potrebbe inquinare la giuria a venire”.
    Tuttavia, Laurie Levenson, un ex procuratore federale e professore alla Lodola School of Law ha detto: “credeteci o no, non tutti lo vedranno… non può essere più dannoso del Michael Jackson TV Show e un sacco di persone vedono più la TV del cinema”.
    “Living with Michael Jackson” ha detto “è stato straordinariamente dannoso, e non solo siamo andati in processo, ma l’accusato è stato assolto”.
    L’avvocato del Primo Emendamento Doug Mirell ha detto: “credo che le probabilità che la corte approvi un’ingiunzione che eviti la pubblicazione di un film siano pressoché nulle”.
    sr. Mirell ha notato che esistono altre tutele che possono essere applicate dalla corte, come squalificare coloro che hanno visto il film.
    “Non importa quanto grande il consiglio pensa che questo caso sia, non è più grande di O.J.” ha detto il sr. Mirell.”E tutti noi sappiamo cosa è successo nel caso di O.J. A dispetto del fatto che sono stati fatti film per la TV e altra pubblicità pre-processo a cui molta più gente è stata esposta rispetto a questo film, è stato assolto nel processo penale.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: